Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Biotech > Nuovo test del Dna, diventa superveloce e portatile

Nuovo test del Dna, diventa superveloce e portatile

Grazie alla luce

03 agosto, 12:26
Grazie alla luce, il test del Dna diventa più rapido e può essere eseguito ovunque (fonte: Luke Lee/BioPOETS lab) Grazie alla luce, il test del Dna diventa più rapido e può essere eseguito ovunque (fonte: Luke Lee/BioPOETS lab)

Le indagini della polizia scientifica potrebbero diventare molto più rapide, così come quelle dei cacciatori di dinosauri e mammut, grazie al primo test del Dna superveloce basato sulla luce. La tecnica è stata messa a punto dal gruppo dell'Università della California a Berkeley coordinato da Luke Lee.

Pubblicato sulla rivista Light: Science & Application, il nuovo test del Dna mette quindi 'il turbo' grazie e permette di ridurre da oltre un'ora a pochi minuti i tempi necessari per avere il risultato.

La novità consiste in un nuovo modo per scaldare e raffreddare i campioni da analizzare, un passaggio fondamentale per leggere le sequenze genetiche e che deve essere eseguoto numerose volte, come prevede la tecnica chiamata Pcr (Reazione a catena della polimerasi), che consiste nell'ottenere numerose copie di uno stesso campione.

Questo è possibile utilizzando le lampade a Led premiate nel 2014 con il Nobel. Grazie ad esse diventa possibile ridurre i tempi necessari per riscaldare o raffreddare i campioni, riducendo il processo a circa 25 gradi al secondo.

"La Pcr - ha spiegato Lee - è fatta normalmente in laboratorio perchè i macchinari per scaldare i campioni hanno bisogno di molta energia e sono costosi. Inoltre, poichè richiede almeno un'ora per ogni singolo test, non è pratico farlo sul campo. Il nostro metodo però può dare i risultati in pochi minuti". Una novità che permetterà quindi ai ricercatori i usare kit portatili per eseguire il test del Dna, ovunque sia necessario: dalle scene del crimine agli scavi archeologici.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA