Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Biotech > I neuroni comunicano con 'bolle superveloci'

I neuroni comunicano con 'bolle superveloci'

Si scambiano pacchetti di segnali

05 dicembre, 10:35
Neuroni di topo (fonte: Tamily Weissman, Harvard University) Neuroni di topo (fonte: Tamily Weissman, Harvard University)

Le cellule nervose comunicano fra loro, grazie ad una staffetta nella quale si passano minuscole 'bolle' che racchiudono i segnali nervosi, in un processo molto più rapido di quello ipotizzato finora. Lo ha scoperto un gruppo internazionale di ricerca coordinato dall'Università dell'Utah, in un lavoro pubblicato sulla rivista Nature, mettendo a punto un nuovo dispositivo capace 'congelare' in un'immagine la sequenza dell'attività dei neuroni.

I ricercatori hanno scoperto che i segnali nervosi sono impacchettai all'interno di vescicole, piccole 'bolle' che trasportano i segnali chimici nervosi tra una cellula e l'altra.
I meccanismi di funzionamento di queste bolle non sono ancora stati completamente chiariti, ma ricoprono un ruolo fondamentale per il funzionamento del cervello, tanto che le scoperte in questo ambito sono state premiate con il Nobel per la Medicina 2013.
Fotografando al microscopio cellule cerebrali di topo congelate esattamente nel momento della trasmissione dei segnali, i ricercatori hanno scoperto che queste bolle vengono 'riciclate' appena un decimo di secondo dopo aver rilasciato il loro carico di neurotrasmettitori nella 'fessura', detta sinapsi, presente tra due neuroni.

"Senza il riciclaggio - ha spiegato Erik Jorgensen, uno dei responsabili dello studio - di questi contenitori pieni di neurotrasmettitori sarebbe possibile fare solamente un singolo movimento e poi fermarsi, fare un solo pensiero e basta, dire una parola e poi smettere".
E' infatti solo la rapidissima formazione, e riciclo, di queste bolle a permettere la 'continuità' dei meccanismi neurali, e eventuali anomalie potrebbero essere alla base di molte malattie. Grazie alla nuova tecnica di analisi ribattezzata 'flash and freeze' sarà ora possibile capire con maggior dettaglio i processi che portano alla formazione delle bolle e i meccanismi con le quali si muovono e rilasciano il prezioso contenuto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA