Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Biotech > I due esperimenti premiati

I due esperimenti premiati

Condotti a 40 anni di distanza l'uno dall'altro

08 ottobre, 20:30
I Nobel John Gurdon e Shinya Yamanaka I Nobel John Gurdon e Shinya Yamanaka

Sono stati condotti a 40 anni di distanza l'uno dall'altro e con mezzi molto diversi, i due esperimenti premiati con il Nobel per la Medicina.

Nel suo esperimento piu' famoso, nel 1962, Gurdon ha sostituito il nucleo di un uovo di rana con quello di una cellula adulta dell'intestino. Una volta inserito nell'ovulo, il nucleo della cellula adulta ha ricevuto una serie di stimoli che l'hanno fatta tornare immatura e indifferenziata. Quindi il suo sviluppo e' ripartito seguendo una strada diversa e dall'ovulo e' nato un girino. Il punto di partenza di Gurdon era la convinzione che, anche quando le cellule sono ormai specializzate e fanno parte di tessuti adulti, il loro Dna lascia sempre una porta aperta a nuove possibilita', ossia che e' sempre in grado di dare origine a tipi di cellule molto diversi.

Se l'esperimento di Gurdon aveva dimostrato che le cose stanno effettivamente cosi', restava da capire il meccanismo capace di far ripartire la programmazione di una cellula. E' stato questo il passo fatto 40 anni piu' tardi da Yamanaka.

Nel 2006 il ricercatore giapponese ha messo a punto il cocktail di geni che permette di trasformare una cellula adulta in una cellula bambina, chiamata cellule Staminale riprogrammata indotta (Ips). Erano quattro geni cruciali per riportare una cellula indietro nel tempo, chiamati Oct3/4, Sox2, c-Myc, Klf4. Nel primo esperimento, i quattro geni erano stati trasferiti in cellule della pelle di topo, che in questo modo erano state trasformate in cellule staminali simili alle embrionali. Presentando il risultato del suo esperimento Yamanaka aveva detto: ''le cellule umane staminali embrionali potrebbero essere usate nella cura di alcuni disturbi come il Parkinson, lesioni al midollo spinale e il diabete''.

La scoperta ha avuto un impatto notevole anche dal punto di vista etico poiche' in passato la possibilita' di utilizzare cellule staminali embrionali aveva suscitato un vivace dibattito.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA