Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Biotech > I primi ovociti in provetta

I primi ovociti in provetta

Sono di topo, maturati e pronti per la fecondazione

03 ottobre, 07:30
Ovulo maturo di topo (fonte: Sybille Pfender and Melina Schuh, MRC, UK) Ovulo maturo di topo (fonte: Sybille Pfender and Melina Schuh, MRC, UK)

Sono stati coltivati i primi ovociti in provetta, sono di topo e sono stati fatti maturare fino allo stadio nela quale potrebbero essere fecondati. Il risultato si deve a un gruppo di ricercatori americani del Wake Forest Baptist Medical Center, che ha presentato il risultato nel congresso annuale dell'American College di Chirurgia clinica. E' un passo importante verso la possibilitè di risolvere molti problemi di infertilità e di prolungare il periodo fertile e rinviare nel tempo la menopausa. I ricercatori hanno estratto cellule ovariche di femmine di ratto dell'età di tre settimane, che equivalgono a 25 anni dell'età di un esseri umano, e le hanno fatte crescere per una settimana in una coltura densa di fattori di crescita. Successivamente, le cellule sono state poste sotto un gel di collagene che ha permesso loro di crescere in tre dimensioni anzichè in un unico strato. I ricercatori hanno quindi osservato che gli ovociti immaturi emergono da gruppi di cellule ovariche e cominciano a svilupparsi nella zona pellucida, una membrana che si forma attorno all'ovulo nel momento in cui si sviluppa. ''Ora l'obiettivo è creare strutture più mature che potrebbero essere utilizzate per la fecondazione'', osserva Anthony Atala, direttore dell'Istituto di medicina rigenerativa del Wake Forest Baptist Medical Center. Anche se la tecnica ha avuto successo in provetta, Atala avverte che ''la procedura deve fare ancora un po' di strada prima di poter essere applicata agli esseri umani''. Diversi problemi di fertilità, rilevano gli esperti, possono lasciare le donne senza un'adeguata quantità di cellule uovo. Questi disturbi possono anche fare in modo che le ovaie non producano abbastanza ormoni che stimolano la produzione di uova. ''Eventi come operazioni ovariche, un infortunio o la radioterapia - spiega - possono interferire con la funzione ovarica''. Anche se le cause possono variare, circa il 10% delle donne in età fertile non riesce ad avere figli. La causa più comune è la sindrome dell'ovaio policistico, uno squilibrio degli ormoni femminili che provoca l'ovulazione irregolare e più elevati livelli di ormoni maschili.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA