Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Biotech > Un codice a barre per i microrganismi

Un codice a barre per i microrganismi

Permette stime più accurate della diversità biologica

25 settembre, 13:02
Mesonerilla intermedia (fonte: Curini-Galletti M, Artois T, Delogu V, De Smet WH, Fontaneto D, et al. (2012) PLoS ONE)  Mesonerilla intermedia (fonte: Curini-Galletti M, Artois T, Delogu V, De Smet WH, Fontaneto D, et al. (2012) PLoS ONE)

Identificare e catalogare gli organismi viventi in modo più semplice e rapido. E' questo l'obiettivo del nuovo marcatore del Dna individuato dall'Istituto per lo studio degli ecosistemi del Consiglio nazionale delle ricerche (Ise-Cnr) di Verbania Pallanza.

Descritto sulla rivista dell'Accademia delle Scienze degli Stati Uniti, Pnas, e chiamato Coi (citocromo c ossidasi subunità I), il marcatore funziona come un come un codice a barre, consentendo di individuare più velocemente e con maggiore precisione le specie della meiofauna, ovvero gli animali microscopici presenti nei sedimenti marini.

Il nuovo marcatore è risultato migliore rispetto a quello comunemente utilizzato nelle analisi degli animali microscopici che vivono nei sedimenti marini e secondo gli esperti consentirà ''una stima più accurata della biodiversità''.

Per il coordinatore della ricerca, Diego Fontaneto dell'Ise-Cnr, ''i risultati dimostrano chiaramente che i due indicatori definiscono in maniera diversa la ricchezza di questo ambiente marino e che il marcatore Coi è risultato migliore per stimare la densità e la ricchezza delle specie analizzate''. Secondo il ricercatore continuando a utilizzare i marcatori tradizionali ''si corre il rischio di definire e quindi preservare in maniera inappropriata la biodiversità''.

Lo studio ha analizzato un campione di 12.000 animali microscopici dei sedimenti marini e delle spiagge. ''Il marcatore molecolare Coi - conclude Fontaneto - potrà essere utilizzato in combinazione con le tecnologie di sequenziamento Next Generation Sequencing e questo aumenterà sia la risoluzione tassonomica sia la velocità di esplorazione della biodiversità del nostro pianeta, che è in continua evoluzione''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA