Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Biotech > Un gioco online scopre la forma di una proteina

Un gioco online scopre la forma di una proteina

Condotto da migliaia di persone in tutto il mondo

19 settembre, 19:22
La proteina Casp, la cui struttura è stata risolta per mezzo di un gioco online (fonte: F. Khatib, Univ di Washington/Nature Structural and Molecular Biology) La proteina Casp, la cui struttura è stata risolta per mezzo di un gioco online (fonte: F. Khatib, Univ di Washington/Nature Structural and Molecular Biology)

Grazie a un gioco online a cui partecipano migliaia di persone da tutto il mondo, è stato possibile ricostruire in sole tre settimane la struttura tridimensionale di una proteina che per anni aveva rappresentato un vero e proprio rompicapo per gli scienziati. L'importante risultato, che potrebbe dare una svolta alla ricerca di nuovi farmaci contro l'Aids, è presentato dai ricercatori dell'universita' di Washington a Seattle sulla rivista Nature Structural & Molecular Biology.

Il gioco online che trasforma qualsiasi utente di internet in uno scienziato si chiama 'Foldit', ed è stato creato da un gruppo di informatici dell'universita' di Washington per far sì che i giocatori collaborino e competano tra loro per prevedere la struttura 3D delle molecole. Le loro proposte vengono quindi inviate ai biochimici per aiutarli a perfezionare i loro modelli teorici.

Proprio questo procedimento ha permesso di definire la forma di una particolare proteina (un enzima prodotto dal virus della scimmia di Mason-Pfizer) che appartiene alla classe delle cosiddette 'proteasi retrovirali'. Queste molecole hanno un ruolo critico nella maturazione e nella proliferazione dei virus come quello dell'Aids, percio' conoscere con esattezza la loro struttura e i loro punti deboli sara' un aiuto fondamentale per sviluppare nuovi farmaci sempre piu' efficaci.

La ricostruzione della struttura della proteasi grazie a Foldit, scrivono gli autori dello studio, ''dimostra la capacita' dei giochi online di incanalare l'intuizione umana e le abilita' nel combinare modelli 3D per risolvere difficili problemi scientifici''. Lo stesso sistema potra' essere usato per definire la struttura di altre proteine coinvolte nei tumori o in malattie come l'Alzheimer.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati