Sardegna

Lo Ierfop nella Federazione Nazionale Istituzioni Pro Ciechi

Pili, al via nuova stagione nel segno del "fare insieme" per la

Disturbi e malattie della vista: al via una nuova stagione di collaborazione tra le più importanti società storicamente impegnate nel settore. Con l'ingresso di Ierfop nella Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi si rafforza in Italia una importante sinergia per promuovere attraverso progetti e iniziative la più alta partecipazione e inclusione dei ciechi e la loro crescita culturale e sociale.

L'Istituto Europeo Ricerca Formazione ed Orientamento Professionale, guidato dal medico e ricercatore Roberto Pili, diffusamente presente con proprie sedi in tutta Italia, viene infatti accolto come socio della federazione che annovera i più importanti organismi ed enti del settore. Una adesione votata all'unanimità e fortemente sollecitata dal presidente dell'Unione Italiana Ciechi Mario Barbuto che permette a Ierfop di ampliare i suoi orizzonti di intervento nel contrasto alle disabilità e la promozione dell'inclusione. Passo preliminare di questa nuova stagione nel segno del "fare insieme" è stato l'ingresso in Ierfop dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, che della storica Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi, è stata promotrice.

La Federazione, presieduta da Rodolfo Masto, nata nel 1921, con le sue finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale rivolte ai disabili della vista anche con pluripatologie o pluridisabilità potrà così beneficiare del valore aggiunto portato dalle aree della ricerca e dell'esperienza maturata in oltre trent'anni di attività dello Ierfop. Un patrimonio legato alla capacità di offrire al territorio una formazione dinamica, all'avanguardia, nel campo della disabilità visiva, con un' attenzione alle fasce anziane.

"Con questa adesione - commenta Roberto Pili - si chiude definitivamente una stagione di tipo concorrenziale e se ne apre una nuova, molto più stimolante e produttiva, basata su dialogo, confronto e lavoro comune, soprattutto con l'UICI. D'accordo con il suo Presidente Mario Barbuto, esprimiamo insieme il più vivo compiacimento per il passo compiuto nella giusta direzione, nell'interesse esclusivo della grande comunità dei ciechi, ipovedenti e persone con disabilità plurime".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie