Porti: rilancio waterfront di Cagliari

Variante del piano regolatore in odg Authority

Rivoluzione e rilancio del waterfont a Cagliari. E nuovo impulso al comparto delle rinfuse nel Porto Canale. Sono i possibili effetti alla variante del piano regolatore all'ordine del giorno dell'ultima riunione del Comitato di Gestione dell'AdSP del Mare di Sardegna.
    Per il porto storico si consentirà l'utilizzo dello specchio acqueo compreso tra il Molo Sabaudo e il Sanità per l'ormeggio di imbarcazioni da diporto e la creazione di una marina di grandi dimensioni in grado di accogliere anche i maxi yacht. La nautica da diporto troverà spazio anche al Molo Ichnusa.
    La vera novità deriverà dall'introduzione, nel tratto compreso tra il Molo Dogana e la Pineta di Bonaria, di nuovi spazi dedicati ad attività commerciali e ricreative. È stata ufficializzata l'intitolazione di un parte della Calata Via Roma all'ex sindaco del capoluogo e presidente del Cagliari Mariano Delogu, scomparso nel luglio del 2016.
    "Grazie alle modifiche al Piano Regolatore Portuale di Cagliari approvate - afferma il presidente dell'Adsp, Massimo Deiana - possiamo finalmente data la giusta risposta alle richieste di una moderna nautica da diporto a cui la città aspira da tempo. Così come potremo andare incontro alle esigenze di nuovi spazi operativi per le imprese che operano nell'area del Porto Canale dedicata alla movimentazione delle rinfuse, settore che, da qualche anno, segna una crescita interessante".
    Un omaggio all'ex sindaco. "Abbiamo ritenuto - continua Deiana - di riconoscere un tributo all'azione di Mariano Delogu che fu determinate per avviare quell'integrazione tra porto e città nel solco della quale stiamo convintamente continuando ad operare".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie