Appello per spiagge sarde depredate

Annuncia a bordo in più lingue e cartellonistica contro ruberie

(ANSA) - CAGLIARI, 17 LUG - Dopo le numerose notizie sui furti di sabbia, ciottoli e conchiglie dai litorali e fondali della Sardegna l'autorità portuale unica dell'isola ha rivolto appello rivolto alle istituzioni e alle compagnie di navigazione, che ogni anno movimentano circa 6 milioni di passeggeri in tutti i porti di sistema, affinché vengano messe in campo iniziative di sensibilizzazione ambientale e prevenzione di questi furti.
    L'intento principale di questo appello è la messa in pratica di alcuni accorgimenti, quali, ad esempio, la diffusione in più lingue di specifici annunci a bordo delle navi prima dello sbarco in Sardegna, in modo da poter offrire una prima informazione sulle conseguenze, ambientali e penali, delle ruberie. Contestualmente, l'Autorità di Sistema Portuale si rende disponibile per individuare ed assegnare gratuitamente degli spazi per l'installazione di apposita cartellonistica riferita a specifiche campagne di prevenzione istituzionale.
    "Accorgimenti che, siamo certi, potranno contribuire a fare la differenza nella diffusione di una corretta informazione e cultura del rispetto verso un'Isola che ciascuno dovrebbe portare con sé nel cuore, ma non in valigia", spiega il presidente dell'Authority MassimO Deiana nell'appello.(ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere