Aras, pressing per passaggio a Laore

Protesta in Consiglio regionale, "sei mensilità arretrate"

Continua il pressing dei dipendenti dell'Aras sulla politica per l'applicazione della legge 3 del 2009 che prevede il passaggio all'interno dell'Agenzia regionale Laore. I lavoratori si sono nuovamente riuniti sotto il palazzo del Consiglio regionale per chiedere il pagamento delle mensilità arretrate, che nel frattempo sono diventate sei, e dei rimborsi chilometrici. L'appello è indirizzato soprattutto alla Regione.

"Risulta ormai chiaro - spiega il segretario di Confederdia, Osvaldo Ibba - che da Roma ci sia il benestare per l'applicazione della legge 3, quindi chiediamo che si proceda immediatamente all'inserimento dei dipendenti in Laore". Tra agronomi e veterinari, complessivamente si tratta di circa 260 persone. "Il personale sta diminuendo - aggiunge il sindacalista - una ventina di dipendenti a tempo indeterminato sono andati in pensione o hanno dato le proprie dimissioni, per questo chiediamo che siano assunti i colleghi a tempo determinato".

"Se la politica non dovesse intervenire tempestivamente - conclude il sindacalista - la misura 14 del Benessere Animale sarà fortemente a rischio con tutte le conseguenze che potranno esserci non solo sul piano occupazionale, ma anche su quello economico dell'intero settore zootecnico sardo".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie