Sardegna

Aou Cagliari, riprendono le visite ai pazienti ricoverati

Foddis, obbligatorio certificato vaccinale e tampone negativo

L'Azienda ospedaliero-universitaria di Cagliari ha riaperto i reparti di degenza alle visite ai ricoverati di parenti e amici. In considerazione dell'andamento epidemiologico, la direzione generale ha deciso di predisporre un piano di aperture graduali per venire incontro all'esigenza dei malati di avere vicino i propri cari ma al contempo di garantire la sicurezza dei ricoverati e degli operatori. Per poter essere ammessi alle visite si dovrà esibire la certificazione di avvenuta vaccinazione o di negatività al tampone.

"Le procedure sono definite insieme ai direttori di dipartimento e delle strutture complesse della nostra azienda - spiega la commissaria straordinaria dell'Aou di Cagliari, Agnese Foddis - ovviamente in questa fase gli ingressi saranno contingentati con uno o due persone al massimo che potranno far visita a ciascun ricoverato. Adesso che la campagna vaccinale ha subito una così decisa accelerazione e che ci sono meno contagi, pensiamo che sia arrivato il momento di procedere con gradualità e in sicurezza". Saranno vietati tutti gli assembramenti e in ospedale si potrà accedere soltanto all'ora delle visite, in modo tale da evitare affollamenti nei corridoi e negli spazi comuni.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie