Sardegna

Summer camp Silicon Valley, 15 idee per promuovere Sardegna

Concluso il corso di formazione per aspiranti imprenditori

(ANSA) - NUORO, 16 LUG - Si è concluso il ciclo di dieci giorni di formazione all'interno della start up "Summerc Camp Silicon Valley 2021" a Tortolì - promosso dalla Fondazione Its Blue Zone, l'Ipsar di Tortolì, la Provincia di Nuoro, la Camera di Commercio, il Consorzio Universitario del Nuorese, Iefca, Federterziario, Opificio Innova - che ha visto tra gli allievi 15 aspiranti imprenditori. A tenere le lezioni nella sede del Consorzio Industriale, sono stati due importanti esperti di start up provenienti dalla Silicon Valley come Gideon Marks e Chris Burry: il primo mentor nell'incubatore di Google, il secondo con esperienza trentennale nel campo delle startup.
    Alla fine delle lezioni solo reazioni entusiastiche da parte degli allievi. "Trasferire la nonna che c'è in ciascuna di noi alle nuove generazioni attivando la prima 'Scuola delle tradizioni sarde' è il mio sogno - ha detto Jessica Fadda insegnante di 32 anni di Tortolì -: un luogo dove si conserva e si trasmette il sapere orale, a partire da quello dalle ricette,". Daniela Langiu 26 anni di Oliena, ha un'idea per le piccole botteghe artigiane: "Recuperare le radici, attraverso una app che permette di ordinare i prodotti più velocemente anche nel piccolo negozio sotto casa. Il Summer Camp mi ha insegnato a come strutturare un'azienda e metterla in piedi" ha commentato. "Il mio progetto è Passaparola Job, un contenitore pieno di professionisti che getta un ponte tra il mondo della formazione professionale e il mondo del lavoro. Partecipare a questo camp mi ha aiutato a concentrarmi meglio su alcuni focus che fanno crescere il mio progetto", spiega Valeria Fois 50 anni.
    Anche Chris Burry e Gideon Marks, tracciano un bilancio del camp: "Se pensiamo alla Sardegna, la si immagina disconnessa dal resto del mondo, ma c'è tanta voglia di imparare. Mi rimane il senso di ospitalità, e la collaborazione tra i giovani" dice Chris Burry. "Per creare un ecosistema di startup ci vuole una coalizione tra la pubblica amministrazione, l'università gli investitori e altre organizzazioni che puntano allo stesso obiettivo - aggiunge Gideon Marks -. A un giovane innovatore gli consiglierei di seguire le proprie passioni e di non ascoltare mai le opinioni negative". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie