Sardegna: stop Province; Solinas, "scelta ideologica"

Governatore all'attacco dopo impugnazione del Governo

"Abbiamo fatto una legge di riordino del sistema provinciale esattamente come è stata fatta nella scorsa legislatura e qualche legislatura fa. Mai prima d'ora però un ufficio del Governo aveva ritenuto di impugnare un provvedimento del genere chiedendo un referendum preventivo". Lo dichiara il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas, a proposito della scelta del governo di impugnare la riforma degli enti locali, a margine della presentazione della campagna promozionale "Sardegna, Sicuri di sognare". "Oggi si trattano casi simili in maniera dissimile - attacca - temo che questa non sia più un'applicazione del diritto ma sia un'impostazione ideologica che tende a punire chi sta cercando di restituire efficienza ed efficacia a funzioni sovracomunali insopprimibili come la viabilità provinciale o gli istituti secondari".

ASSESSORE SANNA, AUTONOMIA SOTTO ATTACCO. "L'Autonomia della Sardegna subisce l'ennesimo e vergognoso attacco". Così l'assessore regionale degli Enti locali, Quirico Sanna, sull'impugnazione da parte del Governo della riforma - che porta a sei le Province e a due le Città metropolitane dell'isola - per violazione dell'articolo 43 dello Statuto sardo, che prevede la possibilità di modificare le circoscrizioni, ma solo in conformità alla volontà delle popolazioni espressa con referendum preventivamente. "Parlano di referendum ma - si domanda Sanna - per esempio la Provincia di Oristano è stata istituita con referendum? E come mai, a legislazione invariata, la legge del 2016 che ha istituito la Città metropolitana di Cagliari non è stata impugnata? Forse dipende dal colore politico che amministra la Regione?".

Anche per il consigliere di maggioranza, e forte sostenitore dell'istituzione della Città Metropolitana di Sassari, Antonello Peru (Cambiamo-Udc), "la decisione del Governo è stata esclusivamente politica, di tecnico c'è solo l'ennesimo attacco alla nostra Regione: noi abbiamo seguito la linea del confronto con lo Stato, rispondendo puntualmente e con motivazioni forti ai rilievi tecnici formulati dal Dipartimento per le riforme Istituzionali. Ma è evidente che sarebbe servita più che altro maggiore decisione e maggiore coraggio nel difendere politicamente una Riforma così importante". Il capogruppo della Lega Dario Giagoni si porta avanti: "Se la legge prevede un referendum preventivo allora facciamolo, la Gallura non si tirerà indietro e nemmeno le popolazioni degli altri territori".

TODDE (MISE), IMPUGNAZIONE GIUSTA - "Una giusta decisione del Governo". Così Alessandra Todde (M5s), viceministra dello Sviluppo economico, sull'impugnazione della riforma che porta a sei le Province e a due le Città metropolitane in Sardegna. "Il MoVimento 5 Stelle - aggiunge l'esponente del Governo - si è sempre opposto a questa legge che non rispetta lo Statuto regionale e che promuove una proliferazione di enti dispendiosa e senza ricadute sul territorio". D'altra parte, osserva Todde, "già nel 2005 le Province sarde sono passate da 4 a 8 e nel 2012 con referendum sono state abrogate col favore del 97% dei sardi. Bisogna rispettare questa decisione evitando inutili sovrapposizioni di livelli istituzionali che non portano certamente valore al territorio".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie