Strade: Cancelleri, fine lavori Sassari-Olbia entro il 2023

Sopralluogo del sottosegretario nei cantieri del nord Sardegna

"La Sassari-Olbia è fondamentale perché mette in collegamento due centri così importanti, ma è importante anche per il settore turistico, perciò è fondamentale rispettare i tempi e sono convinto che riusciremo a completarla entro il 2023". Così il sottosegretario del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri, al termine del sopralluogo compiuto oggi insieme ai responsabili dell'Anas sui lotti ancora aperti del cantiere per il raddoppio della strada statale che congiunge la Sardegna settentrionale da Ovest a Est.

"L'opera è agli sgoccioli, confidiamo di completare il lotto 2 entro il 2022 e il lotto 4 entro il 2023 - assicura Cancelleri - abbiamo potuto verificare la grande vivacità dei lavori dopo le vicissitudini che ne avevano provocato il rallentamento, sono convinto che si possano rispettare i tempi". Dopo il sopralluogo ai cantieri lungo la Sassari-Olbia, la visita in Sardegna del sottosegretario dei Trasporti prevede la ricognizione delle opere lungo la Statale 131, per verificare i lavori della manutenzione programmata, e sulla 389 all'innesto con la 125, ossia il collegamento tra Nuoro e Lanusei.

"Su diverse opere di cui la Sardegna è in attesa il Ministero attende le decisioni dei tribunali, perché si tratta di vicende di cui si sta occupando il Tar e la magistratura ordinaria - spiega Cancelleri - ma sulle opere che dipendono dal completamento dell'iter autorizzativo vogliamo intervenire e monitorare celermente".

SASSARI-ALGHERO, CANCELLERI POSSIBILIBISTA SU COMMISSARIO - "Il commissariamento della Sassari-Alghero? Perché no". A meno di 48 dall'ennesimo appello lanciato dal territorio - stavolta a firma congiunta degli ex sindaci di Alghero ed ex consiglieri regionali Marco Tedde e Mario Bruno - il sottosegretario dei Trasporti e delle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri, apre alla possibilità che si possa nominare un commissario per accelerare la realizzazione dell'ultimo lotto mancante della strada che consentirebbe di collegare i due principali centri del Nord Ovest Sardegna tra loro ma anche con l'aeroporto, andando peraltro in continuità con il raddoppio della Sassari-Olbia.

"Abbiamo commissariato 57 opere per sbloccare più di 80 miliardi di lavori grazie a un provvedimento predisposto dal governo Conte e firmato dal premier Draghi - dice - nel quale la Sardegna è stata grande protagonista soprattutto in tema di infrastrutture idriche, fondamentali per una regione come questa". Ora, annuncia Cancelleri, "prevediamo un secondo intervento del genere per tutte le opere che siano finanziate e abbiano un progetto esecutivo". Tra queste potrebbe rientrare dunque anche la Sassari-Alghero. "L'attività commissariale è giusta e importante, ne stiamo parlando - conclude il sottosegretario - e il Ministero è informato delle richieste che arrivano dal territorio".

ASSESSORI TODDE E SALARIS STUPITI, "NON SIAMO STATI INVITATI" - La visita in Sardegna del sottosegretario dei Trasporti e delle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri, rischia di trasformarsi in un incidente diplomatico e di complicare i rapporti tra il governo nazionale e quello regionale. "È con stupore che abbiamo appreso della sua visita in Sardegna", affermano gli assessori degli Enti locali, Aldo Salaris, e dei Trasporti, Giorgio Todde. "Avremmo certamente voluto fare il punto sullo stato delle infrastrutture in Sardegna e avremmo voluto esporgli lo stato di criticità di alcune tra le principali arterie di collegamento sarde - dicono i due esponenti della Giunta regionale - che nonostante le reiterate richieste di attenzione sono a oggi escluse dalla lista delle opere da commissariare".

Ma per Cancelleri "non ci vuole essere nessuna polemica", come dichiara una volta appreso della protesta. "Li sentirò in giornata per coordinare le azioni necessarie - dichiara - abbiamo pensato di lasciarli al loro lavoro in maniera serena, ma se sono disposti a essere coinvolti il Ministero è ben lieto di farlo". Il sottosegretario ha assicurato che "vogliamo fare base in Sardegna per monitorare costantemente il completamento di opere che l'isola attende da tanto e che merita di vedere realizzate".

LA REPLICA DEL SOTTOSEGRETARIO - Apprendo con dispiacere il disappunto espresso dagli Assessori Salaris e Todde della Giunta della Regione Sardegna che si dicono 'stupiti' nell'apprendimento della mia visita in Sardegna sostenendo di non essere avvisati, ma, senza nessuna polemica, rispedisco al mittente il disappunto in quanto ho informato la Presidenza della Regione lo scorso venerdì, comunicando dettagli, orari e itinerario della mia visita di oggi, come è mio solito fare".

E' quanto precisa il sottosegretario dei Trasporti e delle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri, dopo le accuse dei due esponenti della Giunta regionale di non essere stati informati dell'arrivo del sottosegretario oggi in Sardegna. "Spero possa essere archiviato questo spiacevole equivoco al più presto e si possa lavorare insieme per risolvere i tanti problemi di questa meravigliosa terra. Qualche comunicato in meno e qualche controllo delle mail e della casella postale in più - conclude Cancelleri - penso che possano essere un buon inizio per programmare azioni incisive e risolutive per la Sardegna".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie