Sardegna

Inquinamento ambientale, sigilli a Raffineria Porto Torres

Stabilimento chiuso da tre anni dopo il fallimento

 I carabinieri del Noe di Sassari hanno messo i sigilli allo stabilimento "Raffineria di Porto Torres srl", nella zona industriale La Marinella, già chiuso e abbandonato da quasi tre anni in seguito al fallimento della proprietà. Il provvedimento di sequestro preventivo è stato disposto dal gip del Tribunale di Sassari, dopo che le indagini del Noe hanno appurato che nell'area dello stabilimento erano disseminati contenitori, cisterne e serbatoi per la gran parte in forte stato di degrado, privi di coperture dall'azione degli agenti atmosferici, con all'interno rifiuti oleosi che, in alcune occasioni, si erano anche riversati sul terreno, creando inquinamento ambientale. Nel sito sono presenti anche bombole di gas abbandonate e in cattivo stato di conservazione, costituenti un potenziale pericolo per l'incolumità pubblica.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie