Vaccini: somministrazione ferma al 61%, c.sinistra attacca

Progressiti "piano va rivisto".Pd "subito dosi a specializzandi"

La Sardegna arranca nella classifica delle somministrazioni dei vaccini anti covid, anche se il piano vero e proprio entrerà a regime a marzo come definito dal programma della Regione. Secondo il report del Governo in tempo reale l'Isola è in penultima posizione con il 61% delle dosi inoculate, cioè 78.052 su 128.000 consegnate da Roma.
    "Non è corretto, in primo luogo nei confronti dei sardi, raccontare che entro agosto tutta la popolazione sarà vaccinata - attaccano i Progressiti in Consiglio regionale chiedendo l'audizione dell'assessore regionale della Sanità e del Commissario Ats in Commissione - non è matematicamente possibile completare la vaccinazione di 1.452.890 sardi sopra i 16 anni con le 2.042.070 dosi totali indicate nel documento per l'approvvigionamento di fine agosto. Perché siano efficaci, i vaccini richiedono infatti la somministrazione di due dosi. Se i numeri indicati sul documento sono reali, a settembre quasi un terzo dei sardi over 16 non sarà vaccinato. Lo stesso vale anche ammettendo che, per il vaccino Astrazeneca in particolare, possa essere prevista la seconda dose a distanza di mesi e non di settimane. Le incognite sono troppe".
    Nel frattempo si registra anche la denuncia del Pd: "In Sardegna gli specializzandi in medicina, giovani al servizio della nostra comunità, non vengono vaccinati, nonostante siano sempre stati in prima linea nella lotta al Covid - dicono i consiglieri regionali del Partito Democratico che sul tema hanno presentato un'interrogazione, primo firmatario Roberto Deriu - Nonostante le continue richieste e sollecitazioni, ad oggi non sono note comunicazioni ufficiali relative alla vaccinazione dei medici specializzandi nelle scuole dell'Isola, eppure non si tratta di medici di serie B".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030



        Modifica consenso Cookie