Vaccini: Oristano, 2.136 dosi somministrate, richiami dal 26

Inoculazioni anche per dipendenti eospiti Rsa e case di cura

Si è conclusa nei giorni scorsi la prima fase delle vaccinazioni anti-Covid nella Assl di Oristano. Dopo aver completato la somministrazione del vaccino tra il personale delle strutture ospedaliere e dei poliambulatori di Oristano, Ghilarza e Bosa, martedì 19 si è proceduto con la Rsa (Residenza Sanitaria Assistenziale) di Milis, dove è stato costituito un Punto di vaccinazione mobile a cura del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica diretto dalla dottoressa Maria Valentina Marras. Nella Rsa di Milis sono state inoculate 204 dosi, fra operatori e ospiti.

Nello stesso giorno è stato vaccinato anche il personale della Casa di cura "Madonna del Rimedio" di Oristano (168 dosi), struttura ospedaliera privata inclusa nel Piano di vaccinazione Ats, mentre mercoledì 20 è stata la volta del personale dell'Istituto "Santa Maria Bambina" di Donigala (84 dosi).

Con un totale di 2.136 vaccini Pfizer-Biontech consegnati finora, si chiude così la prima tranche della campagna di vaccinazione alla Assl di Oristano, che aveva preso avvio martedì 5 gennaio e che ha coinvolto strutture ospedaliere, operatori sanitari del territorio - tra cui Usca, specialisti ambulatoriali, medici di medicina generale, pediatri di libera scelta - e Rsa.

Con l'arrivo di nuove forniture vaccinali, già richieste dal Servizio di Igiene e sanità pubblica, a partire da martedì 26 gennaio si potrà partire con la somministrazione della seconda dose del vaccino, necessaria a garantire una più ampia ed efficace copertura vaccinale ai soggetti a cui è stata già inoculata la prima dose.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie