Nucleare: 40mila firme in 48 ore per No deposito in Sardegna

Boom di adesioni online su piattaforma Change.org

Sulla questione delle aree potenzialmente idonee per il deposito nazionale di rifiuti nucleari, i cittadini sardi non hanno tardato a far sentire la loro voce: attraverso una petizione online, hanno espresso un No univoco alla possibilità di trasferire le scorie sull'isola. L'appello, lanciato su Change.org da una cittadina, Letizia Cappai, in sole 48 ore ha già raccolto 40mila firme.

"Ancora una volta la Sardegna è stata scelta come deposito delle scorie nucleari", si legge nell'incipit della raccolta firme. "Non è accettabile! Ne va della salute di uomini, donne e bambini. La Sardegna non è una discarica ma una terra meravigliosa che va preservata", spiega la promotrice della petizione. "Vogliono devastare ancora una volta la nostra natura e la nostra splendida isola: non lo permetteremo!" "Questa non è una battaglia solo Sarda - conclude - ma di tutte quelle persone che vogliono un mondo migliore. Un mondo migliore da lasciare ai nostri figli e nipoti".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie