Calcio: Cagliari si lecca ferite, in vacanza sino a lunedì

Dopo ko a Roma media di un punto a partita per Di Francesco

Il Cagliari chiude l'anno del centenario come l'aveva iniziato, con una sconfitta. Allora in panchina c'era Maran, oggi c'è Di Francesco. In mezzo, da marzo ad agosto, anche Zenga. Mini vacanze per la squadra: di nuovo ad Assemini lunedì 28 per preparare la sfida in casa con il Napoli del 3 gennaio.
    Ieri sera all'Olimpico, per i rossoblù un ko che significa qualche preoccupazione in più: ora la terzultima posizione è a quattro lunghezze. Di Francesco chiude il 2020 con la media di un punto a partita: per la squadra a quota 38 lo scorso anno fu faticosissima salvezza, vedi Genoa. Il campionato del nuovo mister sì può dividere esattamente in due parti uguali: pre e post Covid. Prima della positività di Godin (20 novembre) il Cagliari aveva conquistato dieci punti in sette partite. Dopo (man mano si sono aggiunti i vari Nandez, Simeone, Pereiro e Ounas più la seconda ondata con Klavan, Cabras e Aresti) i rossoblù hanno racimolato quattro punti in sette partite.
    Il Cagliari non riesce più a vincere dal 7 novembre. Il 2020 di Di Francesco sì chiude con tre successi, cinque pareggi e cinque sconfitte. Rispetto all'anno scorso le novità più importanti sono state l'arrivo di Godin e l'addio di Nainggolan. Il problema è che, per un problema o per l'altro, il difensore ha giocato solo sette partite su quattordici. Il capitolo Nainggolan, invece, non è chiuso: a gennaio sarà di nuovo aperta la trattativa con l'Inter per riportare il centrocampista belga in Sardegna.
    All'orizzonte anche qualche cessione per sfoltire la rosa. In ballo c'è anche il destino di due nomi eccellenti: Pisacane, poco utilizzato da Di Francesco e addirittura Pavoletti. In questo caso bisogna capire se l'attaccante di Livorno sì vorrá adattare al minutaggio ridotto e alla concorrenza con Simeone visto che per il momento Di Francesco non ha mai giocato dall'inizio con i due insieme. E c'è anche un altro fattore: il gioco del nuovo mister prevede più palla a terra che cross. Sul fronte arrivi si parla anche dell'esterno destro Bryan Reynolds, americano classe 2001, probabile neo acquisto della Juventus che poi lo girerebbe in prestito al Cagliari.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie