Progressisti, piano annunciato da Regione non funziona

"Pazienti positivi al Brotzu e al Policlinico"

"I 30 nuovi posti letto Covid annunciati per l'ospedale Marino, utili per liberare dalla pressione il Policlinico e il Brotzu, non ci sono. Come avevamo segnalato sabato mattina, il piano predisposto dalla Regione non funziona e gli ospedali cittadini stanno affrontando l'ennesima situazione di emergenza di questi mesi". Lo denunciano i consiglieri del gruppo dei Progressisti in Consiglio regionale.

"Al Brotzu - spiegano gli esponenti dell'opposizione - che sarebbe dovuto essere Covid free, sono in questo momento una ventina i pazienti positivi divisi tra l'area Covid e Pronto Soccorso, e altri sono in attesa di verifica per i tamponi. In questa situazione, lo stesso ospedale è ora senza commissario, direttore sanitario e direttore amministrativo a causa dell'inerzia del presidente della Regione".

Quanto al Policlinico, altro presidio che sarebbe dovuto essere libero da pazienti Covid, "sono nove i positivi nella struttura e altri sono segnalati in arrivo. Secondo le promesse della Giunta regionale, il piano avrebbe consentito di rendere Covid free i due presidi, che avrebbero nel frattempo dovuto prestare assistenza ai pazienti provenienti dai reparti di ortopedia degli altri ospedali: si trovano invece ora ad affrontare entrambe le emergenze, con i Pronto soccorso sul punto di esplodere. Come ampiamente previsto i Pronto soccorso delle due strutture, che prestano assistenza a tutta l'area metropolitana, sono al collasso: 86 i pazienti nelle sale d'attesa, 16 le ambulanze in fila di fronte al solo Policlinico".

Da qui la richiesta dei Progressisti: "vengano nominati nel tempo più breve possibile figure dirigenziali che abbiano i requisiti e le competenze in base alla legge e non seguendo i criteri professionali al ribasso scritti nella falsa riforma sanitaria già oggetto di impugnazione da parte del governo. E nel più breve tempo possibile si verifichi la reale fattibilità del piano operativo Covid approvato il 20 novembre".  

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030



    Modifica consenso Cookie