Covid: manovrina da 473 mln verso approdo in Aula lunedì

Si deve approvare entro 30 novembre sennò risorse addio

Il Consiglio regionale si riunirà lunedì prossimo, 30 novembre, alle 9.30. All'ordine del giorno il disegno di legge sulla variazione di bilancio da 473 milioni di euro che prevede interventi per l'occupazione e le imprese in difficoltà a causa dell'emergenza Covid. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo presieduta dal presidente dell'Assemblea Michele Pais. Il testo che sarà esaminato lunedì dall'Aula dovrebbe approdare "ripulito" dalle voci di spesa non attinenti all'emergenza sanitaria, richiesta questa che arriva dalle opposizioni. Potrebbe quindi esser stralciato l'articolo 6 del disegno di legge. Domani pomeriggio si riunirà invece la commissione Bilancio presieduta da Valerio De Giorgi per l'esame del testo definitivo che sarà predisposto dall'assessore della Programmazione Giuseppe Fasolino. Lunedì l'Assemblea esaminerà altri due provvedimenti: il bilancio consolidato della Regione per l'esercizio 2019 e il bilancio interno del Consiglio regionale.

IL VARO NELLE COMMISSIONI - Arriva anche il parere positivo della commissione Attività produttive alla manovrina anti-Covid da 473 milioni di euro che deve ottenere il via libera dell'Aula entro il 30 novembre, pena l'impossibilità di spendere le risorse. L'assessore del Bilancio Giuseppe Fasolino ha ribadito il contenuto delle voci di spesa principali: 50 milioni di euro per il rifinanziamento del Fondo Bei, soldi destinati a prestiti agevolati alle imprese con l'intervento della Banca Europea per gli investimenti. Un fondo, però, che non copre l'industria alberghiera. "Per questo settore - ha spiegato Fasolino - abbiamo previsto un fondo a parte da 60 milioni di euro che sarà gestito direttamente dalla Sfirs. E questo consentirà di liberare risorse a favore delle piccole e medie imprese".

Altri 10 milioni saranno invece riservati alle imprese che vogliono investire in Sardegna: "Chi trasferirà sede e personale nell'Isola riceverà un contributo per azzerare gli oneri previdenziali per un biennio". Confermati, infine, i 4 milioni di euro a favore dei titolari di licenze per Taxi e noleggi con conducente: ognuno di loro riceverà un ristoro di circa 4mila euro. Allo studio un intervento analogo anche per gli agenti di viaggio che sarà oggetto di un emendamento specifico della Giunta.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie