Artigianato: Cna, settore artistico al collasso

Appello organizzazione per un bonus a 400 aziende in crisi

E' una situazione al collasso quella dell'artigiuanato artistico della Sardegna. L'allarme viene lanciato da Cna che parla di quattrocento aziende e circa seicento addetti "in balia di una crisi senza precedenti dovuta alle restrizioni legate al coronavirus e a una stagione turistica deludente".

L'organizzazione lancia quindi un appello perché venga predisposto un bonus a favore degli artigiani che, nel 2020, hanno subito una significativa diminuzione del fatturato rispetto al 2019. Nei giorni scorsi Peppino Mele, presidente della Cna Artistico e Tradizionale Sardegna, ha lanciato una sollecitazione in tal senso alla Regione in una lettera indirizzata all'assessore all'Artigianato, Turismo e Commercio Gianni Chessa in cui chiede un sostegno al comparto a ai lavoratori.

"Gli artigiani del settore normalmente partecipano a delle manifestazioni fieristiche, molte delle quali anche aperte ai consumatori oltre che ai buyer che, come è noto, quest'anno sono state annullate o rinviate a data da destinarsi con un arco temporale di incertezza, lunghissimo", scrive Mele, evidenziando come le prossime festività natalizie "saranno orfane delle iniziative di piazza che normalmente animavano i nostri paesi e città e che facevano da traino all'attività commerciale, permettendo incassi significativi. Nel complesso, vista anche la paura diffusa del contagio e la tendenza ad acquistare online oggettistica di produzione extraregionale o estera, questo Natale si presenta tra i più funesti, da ogni punto di vista".

Il settore - evidenzia la Cna Artistico e Tradizionale - ha dovuto rinunciare quest'anno a una serie di eventi privati come cerimonie civili e religiose che normalmente portavano con sé l'acquisto di oggetti regalo, di allestimenti e decori. In sintesi, il 2020 è stato sinora un anno infausto dal punto di vista sanitario, ma anche economico e sociale.

"Tutti i settori vivono un momento drammatico, pur con dei distinguo, ma nel nostro caso, la chiusura di una bottega artigiana non è solo un fallimento per la collettività tutta, è anche un pezzo di storia, di cultura e di identità della regione, che sparisce. Un danno che non ci possiamo permettere", scrive Peppino Mele che chiede all'assessore Chessa di valutare l'ipotesi di devolvere al settore artistico e tradizionale gli stanziamenti di bilancio già destinati alle fiere (un esempio per tutti L'Artigiano in Fiera, ma anche la IHM di Monaco di Baviera)".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie