Bando turismo e sport, opposizioni contro due click day

Agus (Progressisti), "non garantita qualità dei progetti"

Il ritiro in autotutela di due avvisi dell'assessorato al Turismo per manifestazioni di spettacolo, cultura e sport per un valore totale di 7,4 milioni di euro. E' la richiesta delle opposizioni in Consiglio regionale che oggi hanno illustrato un'interrogazione ad hoc con prima firma del capogruppo dei Progressisti Francesco Agus.

L'obiezione principale mossa dai rappresentanti delle forze di minoranza riguarda la modalità di svolgimento delle due gare: il click day. Il primo in programma dalle 8 del 22 ottobre alle 23 del 25 ottobre per i contributi (5,5 milioni) destinati a eventi dello spettacolo, folkloristici, del turismo enogastronomici e dell'artigianato; il secondo previsto dalle 8 del 26 ottobre alle 23 del 29 ottobre per finanziare con 1,9 milioni i cartelloni del turismo esponenziale, dello sport e dei grandi eventi sportivi.

 Nell'interrogazione indirizzata al presidente della Regione e all'assessore Gianni Chessa si fa presente che "questa modalità di assegnazione delle risorse non garantirà la valutazione delle qualità dei progetti presentati ma potrebbe determinare un livellamento verso il basso delle manifestazioni proposte, proprio perché valutate solo in base all'ordine cronologico di presentazione delle domande". Il rischio, hanno spiegato i capigruppo di Progressisti ed M5s, Francesco Agus e Michele Ciusa, e il consigliere del Pd Piero Comandini, è che manifestazioni storiche come Time in Jazz - solo per fare un esempio - restino a bocca asciutta.

Altro interrogativo riguarda l'ammontare del secondo bando, quello da 1,9 milioni di euro per i grandi eventi sportivi, "esattamente corrispondenti al finanziamento a favore del Comitato Tursport Sardegna previsto nella legge salva imprese approvata il 23 luglio scorso" e poi congelato dallo stesso assessore Chessa sull'onda delle polemiche. Ora l'opposizione vuole vederci chiaro sulla nuova destinazione di quella cifra. Inoltre, ha fatto notare Massimo Zedda (Progressisti), "come potranno tenersi eventi sportivi di grande richiamo, da qui al 31 dicembre, nella fase più acuta della pandemia che costringe mezza Europa a chiusure sempre più estese?.

LA DIFESA DI CHESSA - L'assessore del Turismo Gianni Chessa difende i due bandi a sportello da 7,4 milioni di euro per finanziare eventi culturali e sportivi di cui oggi l'opposizione ha chiesto il ritiro in autotutela. "Il sistema del bando a sportello, da sempre utilizzato in numerose occasioni per svariate tipologie di sostegno finanziario pubblico, assicura assoluta trasparenza e non è funzionale ad alcun tipo di favoritismo - dichiara l'esponente della Giunta Solinas - è, anzi, l'unico strumento valido nell'attuale situazione per non perdere finanziamenti destinati a iniziative di sicura ricaduta per la Sardegna".

Secondo Chessa, "data la situazione di emergenza e considerando il tempo a disposizione dell'amministrazione per istruire le pratiche ed impegnare le somme, si è scelta la procedura di legge più rapida: quella, appunto, del bando a sportello". "Quest'anno - sottolinea l'assessore - si è voluto dare sostegno anche a quelle iniziative di valore sociale destinando, all'interno del bando, uno spazio agli enti che realizzano manifestazioni rivolte a persone con disabilità. Inoltre, si è voluto individuare un programma di grandi iniziative sportive, che hanno già visto esempi di assoluto valore e di risalto internazionale per la nostra Regione, come il mondiale di padel, l'Atp 250 di tennis e il rally".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie