Covid: operatori sardi spettacolo pronti a mobilitazione

Manifestazione a fine ottobre, almeno 3000 posti a rischio

Manifestazione a fine mese anche in Sardegna per salvare il mondo dello spettacolo. Prove generali di mobilitazione nel corso di una assemblea in videoconferenza con la partecipazione di decine di operatori in rappresentanza dei circa 5.000 che lavorano in Sardegna. La data della protesta - sull'onda dei bauli in piazza di Milano - potrebbe essere quella del 30 ottobre. Il pericolo in pochi numeri: con l'emergenza Covid si rischia una perdita di 3.000 posti di lavoro diretti.

E il settore - è stato sottolineato - oltre al taglio netto di 1 milione di euro rispetto al 2019, registra una perdita degli introiti e del fatturato che varia dal 60% al 95. "Importante mobilitarci - spiega all'ANSA Diletta Mureddu della Cgil - per dare visibilità al settore e per ottenere risorse che diano certezze e visione strategica per il futuro anche al di là dell'emergenza". La pandemia ha ridotto drasticamente numero di spettacoli e iniziative. E ha costretto gli operatori a rivedere tutti i conti per le regole del distanziamento che non consentono gli incassi degli anni passati.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie