Covid: in Sardegna sindaci allentano stretta

Contagi stabili, polemica su festa senza mascherine a Cagliari

Mentre si conta una nuova vittima del Covid, un 78enne del Sud Sardegna, e i contagi rimangono pressoché stabili - 129 nuovi positivi dopo il record di avantieri a quota 143 - i sindaci dei tre comuni in semi-lockdown allentano le misure restrittive adottate dopo l'impennata dei casi delle ultime settimane di settembre. A Orune e Gavoi, nel Nuorese, e Seui, nel Sud Sardegna, si prova a tornare alla normalità: riaprono così scuole, bar e ristoranti. Solo a Gavoi, per ora, restano alcune limitazioni che riguardano gli orari di chiusura degli esercizi pubblici che somministrano bevante e alimenti: i primi dovranno abbassare le serrande alle 21, gli altri, comprese le pizzerie, alle 23.

E in attesa del nuovo Dpcm che darà una nuova stretta sugli assembramenti, a Cagliari scoppia la polemica per una festa della birra tenutasi nel fine settimana sulla terrazza panoramica del Bastione Saint Remy: in un video circolato sui social si vedono le persone accalcate tra i tavoli, la maggior parte senza mascherina, e c'è chi fa anche il "trenino" per ballare. L'indignazione corre sul web e l'opposizione di centrosinistra in Comune chide lumi al sindaco sui controlli. Che invece a Sassari hanno fatto fioccare altre multe: la polizia locale ha sorpreso 34 persone senza mascherine, soprattutto giovani manhe il gestore e la camiera di un locale.
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere



    Modifica consenso Cookie