Coronavirus: Gimbe, diminuiscono casi in Sardegna, ora terza

Ma aumentano i ricoverati in terapia intensiva

(ANSA) - CAGLIARI, 10 SET - La Sardegna non è più in vetta alla classifica dei nuovi casi per centomila abitanti. Lo dice il report della Fondazione Gimbe relativo alla settimana da 2 all'8 settembre.
    L'isola è scivolata al terzo posto dietro Trentino e Liguria: ha registrato 22,69 casi ogni 100mila abitanti con numeri superiori alla media nazionale. Nell'analisi di questi dati va sempre tenuto conto della presenza di turisti (e lo stesso vale per Trentino e Liguria) nel periodo estivo.
    La Sardegna registra un rallentamento nella crescita dei casi: meno dodici rispetto ai sette giorni precedenti, da 384 a 372.
    Il 62% dei ricoverati in terapia intensiva si distribuisce in sei regioni. E tra queste, a quota dieci casi, c'è anche la Sardegna. "Nell'ultima settimana - afferma Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, riferendosi al quadro nazionale - crescono i nuovi casi e, soprattutto, le persone attualmente positive, sia per l'incremento dei casi testati, sia per il costante aumento del rapporto positivi/casi testati. Si consolida inoltre il trend in aumento delle ospedalizzazioni con sintomi e dei pazienti in terapia intensiva. Sono tutti segnali che, guardando a quello che sta accadendo Oltralpe, impongono di mantenere molto alta l'attenzione". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie