Test a docenti e studenti Medicina a Cagliari

Ateneo nel progetto Ad Adiuvandum per analisi di massa

A settembre test sierologici anti Covid-19 per il personale e gli studenti della Facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università di Cagliari. E' quanto emerso dall'incontro tra Maria Del Zompo, rettrice dell'ateneo cagliaritano, Francesco Marongiu, prorettore per le attività sanitarie, e Maria Antonietta Mongiu, rete Ad Adiuvandum.

Saranno coinvolti circa 1700 iscritti e 300 membri del personale. "Alla ripresa delle lezioni e degli esami - ha spiegato Del Zompo - ci proponiamo di avviare uno screening sugli studenti e sul personale docente e tecnico-amministrativo dell'ateneo , anche al fine di prevenire nuovi focolai del virus". Importante passo avanti. "Fare il test - ha sottolineato Mongiu - è un atto d'amore per sé, per la propria famiglia, per la Sardegna".

Si comincerà dagli studenti (escluse le matricole) e dal personale della Facoltà di Medicina e chirurgia, per un totale di circa duemila persone sottoposte a test. La Rete Ad Adiuvandum ha avviato una raccolta fondi per realizzare un'analisi a campione, senza fine di lucro, che rafforzi e affianchi l'azione degli Uffici sanitari della Regione Sardegna nel contrasto alla diffusione del contagio da COVID-19. La raccolta è finalizzata all'acquisto di dispositivi sanitari e strumentazione per le analisi. L'idea dei promotori è coinvolgere il maggior numero possibile di persone: priorità a chi ha particolari patologie, ma anche a chi, soprattutto per motivo di lavoro, o come in questo caso di studio, è giornalmente a stretto contatto con decine di persone.  

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie