Budelli: demolizioni abusi entro 2020, "sfratto" per custode

Casa diventerà un osservatorio ambientale del Parco La Maddalena

Via entro il 2020 gli abusi edilizi sull'isola di Budelli e addio all'esilio volontario per l'80enne Mauro Morandi, per oltre trent'anni il custode solitario dell'isola per conto della vecchia proprietà, oggi considerato inquilino senza alcun titolo di un bene dello Stato. Il Parco nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena accelera.

L'ultimo consiglio del direttivo ha deciso di andara avanti a tappe forzate per tenere fede al cronoprogramma stilato due anni fa e avviato lo scorso anno con un'opera di bonifica e di pulizia cui dovrà seguire l'abbattimento di opere realizzate senza autorizzazione, come stabilito dal Comune di La Maddalena.

La volontà politica del Parco, sebbene sia impossibile indicare una data, è chiarissima: gli interventi di recupero dell'immobile sono inseriti tra le priorità di amministratori e management. È ormai storia il fatto che quella che viene indicata come "la casa del custode" abbia subito nel corso dei decenni modifiche e trasformazioni che, secondo il Parco, almeno in parte sono state realizzate senza alcun permesso. Per questo motivo saranno abbattute, e l'avvio del cantiere sarà l'occasione per accommiatarsi da Morandi, che non potrà stare lì durante i lavori né ci potrà tornare in seguito.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie