Miele: Coldiretti, crollo produzione dell'80% in Sardegna

Due barattoli su tre sono importati, boom da Ungheria

Crollo dell'80% della produzione e invasione di miele straniero: due barattoli su 3 sono importati, il 40% dall'Ungheria e oltre il 10% dalla Cina. Risultato: gli alveari sardi rischiano la chiusura. E' l'allarme lanciato da Coldiretti Sardegna: l'organizzazione lancia ora l'hashtag #compramielesardo. In primavera le produzioni di miele sono state quasi nulle. Nel sud Sardegna si sono fermate al 20% (- 80%), circa 4 kg ad alveare rispetto ai 20 kg di media.

A salvarsi, per modo di dire, sono state solo alcune aree del centro Nord Sardegna e Logudoro (che rappresentano circa il 15% del settore sardo). Lì le perdite si sono fermate al 50%.

Quest'anno sarà molto difficile trovare miele di arancio sardo: gli agrumi in forte stress per il clima anomalo hanno fiorito con un mese di anticipo. Le fioriture prodotte sono prevalentemente di macchia mediterranea ed asfodelo, assente quella di cardo. E non va meglio d'estate. La produzione dell'eucalipto, ancora di salvezza degli apicoltori, quest'anno si è sviluppata in modo molto più lento a causa del forte maestrale che ha colpito la Sardegna nel momento di maggior produzione nettarifera delle piante e ha compromesso la capacità operativa delle api e produttività della pianta. Da qui l'Sos di Coldiretti: 1767 apicoltori rischiano di dover dismettere i 66.773 alveari presenti in Sardegna. A rischio sono ovviamente gli 828 apicoltori professionali (939 sono in autoconsumo, i cosiddetti hobbisti). A tutto questo si aggiunge anche la solita burocrazia "Circa il 70% degli apicoltori aspetta ancora gli indennizzi per la siccità del 2017 - ricorda il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu -, una lentezza ingiustificabile e improponibile per imprese che aspettano da tre anni nell'incertezza assoluta".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030



      Modifica consenso Cookie