Mesina: proseguono le ricerche, vuol trattare la resa?

Avrebbe chiesto detenzione domiciliare per motivi età e salute

(ANSA) - NUORO, 05 LUG - Proseguono le ricerche a tappeto di Graziano Mesina, allontanatosi dalla sua casa a Orgosolo giovedì sera prima della condanna definitiva a 30 anni per traffico di droga. Sono diverse le perquisizioni effettuate all'alba da Carabinieri e Polizia nelle case del centro abitato e negli ovili dell'agro di Orgosolo.
    Secondo indiscrezioni Mesina sarebbe pronto a trattare la resa, dopo aver preso tempo prima di tornare in carcere, e avrebbe chiesto condizioni detentive più miti, come per esempio la detenzione domiciliare, considerata l'età e motivi di salute. Ma dove si nasconde l'ex primula rossa del banditismo sardo? Il paese barbaricino da tre giorni è stato messo a ferro e fuoco dalle forze di Polizia alla ricerca di Mesina che, alla soglia degli 80 anni è tornato alla latitanza pur di non finire il resto della sua vita in carcere.
    Posti di blocco si possono vedere nelle vie d'ingresso e di uscita dal paese: nelle strade che portano a Nuoro, Sorasi, Montes e Mamoiada. Mesina potrebbe nascondersi nella stessa Orgosolo, in qualche casa, o in campagna fiancheggiato da qualche amico del posto. Ma tra le varie piste seguite dalle forze dell'ordine non si esclude la fuga all'estero - magari nelle vicine Corsica o Tunisia - anche se appare la più complicata: Mesina, infatti, non ha con sé i documenti che ha lasciato nella casa della sorella Peppedda, in cui veniva accolto come ospite da quando era stato scarcerato per decorrenza di termini un anno fa, e a detta dei suoi avvocati non disponeva di grandi quantità di soldi, visto che vive con una pensione di 500 euro. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie