8000 chiamate in Sardegna,da 100 cagliaritani sì test sangue

Piredda (Cri), "diffedenza su prefisso ancora poche risposte"

Circa settemilaottocento chiamate in due giorni della Croce Rossa in Sardegna per l'indagine epidemiologica nazionale sul coronavirus. E primi risultati parziali: soltanto a Cagliari già cento persone contatte hanno dato la disponibilità al test sierologico fissando gli appuntamenti per il prelievo venoso. Un report più completo sarà fornito nei prossimi giorni quando sarà effettuato un nuovo giro di chiamate.

"Il problema maggiore è legato all'elevato numero di mancate risposte - spiega il presidente regionale della Cri, Sergio Piredda - Una delle motivazioni può essere riconducibile alla diffidenza nei confronti dei numeri con il prefisso. Anche a livello nazionale si stanno studiando degli accorgimenti, ma siamo fiduciosi: non appena sarà diffusa meglio la notizia della nostra campagna, la risposta ci sarà". In prima linea ventuno operatori volontari. "Ringraziamo l'Universitá di Cagliari - continua Piredda- per averci messo a disposizione l'aula informatica e per la collaborazione", dice Piredda. L'obiettivo è quello di raggiungere 7.985 cittadini sardi in 89 Comuni su un totale di 377.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie