Da maggio si apre a voli privati

Solinas, porti e aeroporti da attrezzare per mantenere bassi i contagi

Traffico passeggeri nei porti e negli aeroporti sardi chiuso ancora per "qualche settimana". Ad annunciarlo è il presidente della Regione Christian Solinas. "Credo sia necessario mantenere il blocco - ha spiegato - per avere il tempo di realizzare nelle porte d'accesso, cioè gli scali, un sistema di controlli in grado di garantire il mantenimento di una immagine di Isola poco toccata dal contagio". La riapertura agli arrivi avverrà in modo graduale a partire da giugno.

Cosa prevede il sistema di controlli che la Regione sottoporrà all'attenzione del governo? In sostanza che i turisti presentino il cosiddetto passaporto sanitario. "Chiediamo che chi voglia prendere una nave o un aereo - ha detto Solinas - presenti con la carta d'imbarco e il documento d'identità un certificato di tampone negativo rilasciato da un qualsiasi laboratorio abilitato non oltre sette giorni prima della data di partenza".

Ma i controlli non finiscono qui. "Una volta arrivati in Sardegna, i passeggeri si dovranno sottoporre a un test rapido che eseguiremo negli scali, e poi scaricare la app che ci consenta di tracciare gli spostamenti e i contatti per circoscrivere sul nascere eventuali focolai ed evitare una nuova diffusione". Il sistema, nelle intenzioni di Solinas, sarà testato già a maggio attraverso una prima apertura degli scali alla sola aviazione generale, cioè voli piccoli e privati "che ci consentano di sperimentare su piccoli numeri questo modello".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie