Li Gioi, in call center Air Italy paura contagi

Consigliere M5s, da azienda comportamento vergognoso

"Nel call center di Air Italy si convive con la paura, ai lavoratori non sono state consegnate le mascherine né è stato attivato lo smart working, è l'ennesimo insulto ai sardi". Lo denuncia il consigliere regionale gallurese del M5s Roberto Li Gioi. "La compagnia aerea in liquidazione ha a lungo usato i lavoratori sardi, li ha spremuti come limoni e poi li ha licenziati senza ritegno - attacca - anche in piena emergenza, con una crisi mondiale senza precedenti, si distingue per comportamenti vergognosi, sfrontati".

Per Li Gioi è "indecente la situazione in cui ancora oggi i suoi dipendenti son costretti a operare. Quaranta persone continuano a rispondere dal call center della compagnia, andando nella sede aeroportuale nonostante non ci sia necessità della loro presenza fisica". L' azienda è accusata dal consigliere di opposizione di non aver "mai distribuito una mascherina per consentire ai dipendenti di lavorare in sicurezza".

Le persone, denuncia, "lavorano nel terrore, protette da guanti e mascherine che si procurano con mezzi propri, a volte inidonei, e Air Italy non si preoccupa minimamente". "L' ennesima dimostrazione di un'azienda - rimarca - che calpesta i diritti dei lavoratori: è il momento di reagire e farsi sentire, è in gioco la salute dei lavoratori e della popolazione".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030



        Modifica consenso Cookie