Carenza Dpi, aperta inchiesta a Cagliari

Fascicolo senza indagati aperto dopo esposto sindacati medici

La Procura di Cagliari ha aperto un'inchiesta nell'ambito dei contagi avvenuti negli ospedali del capoluogo sardo, analogamente a quanto fatto a Sassari e a Nuoro. Tutto è partito da un esposto del sindacato dei medici Anaao-Assomed, trasmesso all'Ispettorato del lavoro, in cui si denuncia la forte carenza di dispositivi di protezione individuale contro il coronavirus - mascherine, guanti e tute - per medici e infermieri in sevizio negli ospedali cagliaritani.

La procuratrice Maria Alessandra Pelagatti ha incaricato l'aggiunto Paolo De Angelis di valutare il contenuto dell'esposto. Al momento non esiste una delega assegnata per le indagini, né un'ipotesi di reato o indagati. Sull'epidemia da Covid-19 stanno arrivando nelle varie Procure isolane numerosi esposti, firmati ma anche anonimi, legati da una parte alla carenza di Dpi per il personale sanitario e dall'altra alle denunce per violazione delle prescrizioni contro la diffusione del contagio.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie