Coronavirus: primo caso in Sardegna

Paziente ricoverato in ospedale a Cagliari

Presenta un'infezione acuta alle vie respiratorie e il suo quadro clinico è stabile, il primo paziente risultato positivo al coronavirus in Sardegna in seguito ai primi accertamenti. Si tratta di un imprenditore di circa 40 anni attualmente ricoverato e seguito all'ospedale Santissima Trinità. "La situazione è sotto controllo e costantemente monitorata - dichiara il governatore Christian Solinas - Ogni evoluzione è seguita con la massima attenzione e le misure di sicurezza sono operative su tutto il territorio. Anche in questo caso, di cui stiamo attendendo conferma dall'Istituto superiore di sanità, il sistema regionale ha risposto rapidamente". "Le procedure per arrivare ai primi risultati sono state attuate in maniera corretta - aggiunge l'assessore della Sanità Mario Nieddu - il paziente si è rivolto al numero per le emergenze e questo ha consentito di svolgere le prime valutazioni e di prestargli assistenza nella massima sicurezza". Già sotto vigilanza attiva i familiari e le persone con cui l'uomo è stato a stretto contatto.

CEPPO IMPORTATO, SARDEGNA RESTA REGIONE NO CLUSTER - Nonostante il primo contagio nell'Isola, la Sardegna resta una delle Regioni no Cluster: il ceppo, infatti - spiega la Protezione civile regionale - non ha un ceppo autoctono ma "importato", per questo motivo i protocolli previsti, al momento, restano invariati. Si apprendono, nel frattempo, nuovi dettagli sugli spostamenti del primo paziente sardo risultato positivo al primo test per il coronavirus, un imprenditore di 42 anni di Cagliari, gestore di un locale. Era stato a Rimini tra il 15 e il 18 febbraio scorso per la Beer e Food Attraction, fiera dedicata ai birrifici artigianali. E' rientrato nel capoluogo sardo il 19 febbraio con un volo Bologna-Cagliari.

All'arrivo non era stato sottoposto al controllo del termoscanner, previsto secondo le disposizioni nazionali solo per i voli internazionali e in arrivo da Fiumicino ma esteso dal 22 di questo mese a tutti i voli per ordinanza del presidente della Regione Christian Solinas. Una volta atterrato è stato subito male, quindi non è mai passato nel locale che gestisce in città. In quarantena anche la moglie, il figlio e un amico che era con lui a Rimini. Poi, come prevede il protocollo in questi casi, tutte le persone con cui è entrato in contatto. Per esempio i passeggeri del volo Bologna-Cagliari, ma solo quelli fino a due file davanti e dietro il posto del contagiato. Per tutti gli altri è prevista una vigilanza sorvegliata. Adesso il 42enne si trova, intubato, al Santissima Trinità di Cagliari dove è arrivato ieri direttamente a bordo di un'ambulanza del 118.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie