Airport Run a Olbia, prima corsa in uno scalo in Italia

Geasar promuove gare in scalo chiuso, ricavato in beneficenza

di Gian Mario Sias

Il "Costa Smeralda" di Olbia fa il botto anche senza voli. Chiuso dal 3 febbraio al 13 marzo per il restyling e l'allungamento della pista in vista dell'incremento di traffico, l'aeroporto diventa un tracciato podistico. Domenica 1 marzo è in programma "Airport Run 2020", la prima gara di atletica mai disputata in Italia sulla pista d'atterraggio di un aeroporto. Dopo Gatwick, Budapest, Atene e Zagabria, anche Olbia testa un evento tra sport, socialità e beneficenza.ì

La Geasar, società che gestisce lo scalo, arricchisce con la manifestazione podistica non agonistica il programma di "Flight Club", cartellone varato per tenere vivo l'aeroporto anche durante i lavori, per consentire alla comunità locale di vivere gli spazi aeroportuali in maniera diversa, per favorire le attività che operano nello scalo e per tentare un record: incrementare le presenze stagionali anche senza collegamenti aerei.

Tra musica, artigianato artistico, sapori della tradizione, cinema e intrattenimento per bambini, scienza, tecnologia, laboratori, rassegne cinofile, letteratura e benessere, ogni giorno l'aeroporto è invaso da scolaresche e cittadini che scoprono un luogo ormai integrato col tessuto economico e sociale di Olbia, anche grazie alla presenza dell'Università e all'organizzazione di eventi non collegati all'attività aeroportuale. Airport Run 2020 è la ciliegina sulla torta ed è organizzata con Atletica Olbia, Civitas Olbia e Podistica Amatori Olbia, il patrocinio del Comune di Olbia e il contributo di Decathlon, Sixt e Volotea per destinare il ricavato all'associazione per disabili "Speady Sport Onlus". Si parte alle 10 con le gare dei bambini da 6 a 12 anni su distanze da 300 metri in su. Alle 11 via alla corsa sulle distanze di 5 e 10 chilometri. È ammesso camminare: anche i meno allenati potranno ammirare la location, difficilmente visitabile altrimenti. La musica scandirà il ritmo della gara, l'iscrizione costa 15 euro per gli adulti e 10 per i bambini, mentre per la gara riservata ai piccoli si pagano 5 euro. La quota include il "pacco gara" con maglietta, zainetto, voucher sconto di 5 euro per Decathlon, panino e bibita.

Dalle 13, poi, tutti alla "La Festa del Cuoco". Associazione Cuochi Gallura, Ais, Aibes, Amira e Cortesa propongono a 10 euro i piatti della tradizione con prodotti del territorio. Il ricavato è per il Volontariato Vicenziano. Alle 16 "Airport Run Festivalbar Band", la cerimonia di premiazione: l'assessorato comunale dello Sport consegna le proprie coppe e vengono assegnati i voucher di Volotea ai primi classificati. Le iscrizioni alle gare non competitive da 5.000 e 10.000 metri possono essere fatte online sulla pagina web del sito Geasar https://www.geasar.com\flightclub o in alternativa all'Infopoint situato nella zona arrivi dell'Aeroporto di Olbia. Tutte le info sono reperibili su www.geasar.it/flight-club/apron-run.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie