Agnello di Sardegna Igp in cattedra

Sponsor master Università di Sassari su salute ed etica

Sostenibilità a 360 gradi per l'Agnello di Sardegna Igp: ambientale, sociale, culturale e sanitario. Per questo partecipa a pieno titolo al primo master sull'allevamento sostenibile. Il Consorzio di tutela dell'Agnello di Sardegna Igp (Contas), infatti, è sponsor del primo mini-master dedicato alle "Carni Sostenibili", organizzato dal Dipartimento di Agraria dell'Università di Sassari, per diffondere un approccio consapevole alle proteine animali. E' pensato per gli studenti, i dottorandi e gli specializzandi universitari, per i professionisti del settore - agronomi, veterinari, medici e nutrizionisti - e per i giornalisti.
    Il corso, che si tiene a Sassari, si concluderà con l'ultima sessione di lezioni in cui si affronteranno gli importanti temi della Salute, Etica e Comunicazione.
    Sostenibilità che per la produzione agricola sarda d'eccellenza viene rispettata grazie al fatto che l'agnello sardo si nutre con il solo latte materno da pecore allevate all'aperto nel rispetto del benessere animale. La Sardegna è la prima regione del Mediterraneo in cui si pratica l'allevamento degli animali al pascolo, con pecore che si nutrono per l'80% dalle essenze foraggere spontanee o coltivate rendendo inscindibile il legame dell'elevata qualità delle carni e dei prodotti caseari e dalle forme paesaggistiche in cui sono ottenuti.
    "Come Consorzio stiamo lavorando affinchè lo sia anche dal punto di vista economico, oltre che per il sistema circostante in cui è allevato, anche per l'allevatore, il custode del territorio e di questo inestimabile patrimonio - sottolinea il presidente del Contas Battista Cualbu - Anche questa partnership ha questo obiettivo, aiutando a divulgare la cultura della nostra eccellenza, attraverso la formazione".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie