Psd'Az, su continuità De Micheli manipola realtà

E Salvini attacca, "ministra si dimetta"

Scoppia la polemica politica all'indomani delle dichiarazioni della ministra dei Trasporti e Infrastrutture Paola De Micheli sulla continuità territoriale aerea con la Sardegna.

"Oggi un ministro del governo, per il quale non possiamo che nutrire rispetto perché è una rappresentante delle istituzioni,
ha rilasciato interviste nelle quali parla della Regione Sardegna non come di un interlocutore istituzionale ma come un'opposizione politica al suo governo", ha detto il presidente
della Regione Christian Solinas.

"Purtroppo - ha aggiunto il governatore - la ministra ha utilizzato questo strumento non per stabilire una linea di azione comune come noi spesso abbiamo richiesto, ma per fare polemica politica, e noi crediamo che questa sia la rappresentazione plastica di come non ci si debba comportare tra istituzioni".

"Nelle prossime ore scriverò al presidente della Repubblica Sergio Mattarella che è il garante non solo dell'unità, ma anche del coordinamento e del rispetto tra tutte le istituzioni del Paese. Non è pensabile - ha aggiunto il governatore - che nella logica e nella dinamica istituzionale un ministro non convochi un assessore che chiede più volte di poter interloquire con lei, e ritenga invece di convocare l'opposizione per poi rilasciare le dichiarazioni che abbiamo letto. Noi eravamo a Bruxelles per discutere con gli uffici della Commissione con l'obiettivo di trovare una soluzione". Quindi, "non si può dire che la Regione sia stata assente e non abbia lavorato, e non ci si può prendere i meriti di partite che non si sono giocate".

SALVINI, MINISTRA SI DIMETTA. "Ha sprecato mesi e mesi prima di affrontare il tema della continuità territoriale in Sardegna, poi ha deciso di snobbare l'invito della Giunta regionale ma ha incontrato l'opposizione di centrosinistra, ora si prende il merito della proroga della continuità aerea che però è stata ottenuta dal presidente Solinas trattando direttamente con Bruxelles. Il ministro Paola De Micheli non è all'altezza: le ripetute gaffe e gli sgarbi istituzionali sono così gravi da rendere doverose le sue dimissioni". Lo dichiara, in una nota, il leader della Lega, Matteo Salvini, commentando le polemiche sulla continuità territoriale in Sardegna. "De Micheli prima snobba e poi insulta la Giunta dell'isola. Porti rispetto: Solinas è diventato presidente perché eletto, lei è al ministero per giochi di palazzo. La sua incapacità è dimostrata dal dossier sulla Continuità marittima, che a differenza di quella aerea è totalmente di competenza del governo centrale, e infatti regna il caos e l'incertezza perché la De Micheli non può sfruttare il lavoro e i meriti della Regione".

CANI (PD), DA SALVINI VOLGARI INSULTI. "Apprendiamo di volgari e inutili insulti del segretario della Lega contro la ministra dei Trasporti. È fin troppo chiaro il tentativo che vuole portare avanti: per nascondere l'inconsistenza della Regione e del suo presidente il leader della Lega cerca la rissa. E invece di provare a trovare soluzioni spara bel mucchio". Così il Segretario del Pd sardo, l'ex parlamentare Emanuele Cani, commenta le dichiarazioni di Matteo Salvini contro la ministra Paola De Micheli sulle polemiche sulla continuità territoriale in Sardegna. "Sarebbe il caso - prosegue Cani - che prima di parlare di continuità territoriale, Salvini studiasse l'argomento perché sulla pelle dei sardi e sulla mobilità c'è poco da scherzare".

MULA (PSD'AZ), MINISTRA MANIPOLA REALTA'. "Una vergognosa manipolazione della realtà, messa in atto con l'unico ed evidente scopo di screditare l'azione del Presidente della Regione Sarda, reo a suo avviso di appartenere ad uno schieramento politico diverso dal suo". E' la dura replica del capogruppo del Partito sardo d'Azione in Consiglio regionale, Franco Mula, alle dichiarazioni della ministra dei Trasporti e Infrastrutture Paola De Micheli rilasciate ieri a Bolzano sulla continuità territoriale aerea con la Sardegna. "Sfruttare il proprio ruolo di Governo in questo modo, infischiandosene dell'emergenza in cui vive la Sardegna e dei lavoratori che rischiano il posto - attacca l'esponente del Psd'Az - è semplicemente deplorevole. Un Ministro che incontra gli esponenti sardi del suo partito prima del Presidente della Regione, per studiare con loro una strategia politica di discredito, umilia le Istituzioni e le piega ad una misera logica di parte. False, nel merito, anche le sue affermazioni. Nulla ebbe da eccepire, la Ministra, al piano di continuità presentato dalla Regione Sarda nell'incontro tenutosi a novembre al Ministero. Solo oggi, tre mesi dopo, si accorge che era un progetto lacunoso? Siamo esterrefatti davanti ad una tale leggerezza nei confronti di un problema vitale per la Sardegna e per tanti lavoratori".

ZEDDA (PROGRESSISTI), SOLINAS CHIAMA IN SOCCORSO SALVINI. "Il presidente della Regione Christian Solinas chiama ancora una volta in soccorso il segretario della Lega per nascondere il fatto che sulla continuità territoriale la Giunta sardo-leghista non ha la minima idea su cosa fare". Così Massimo Zedda (Progressisti) sulle dichiarazioni di Matteo Salvini a proposito della ministra dei Trasporti Paola De Micheli. "Capiamo che Salvini - continua l'ex sindaco di Cagliari - non potendo dire di aver commesso un errore nel sostenere l'attuale presidente della Regione, cerchi disperatamente di mascherare e coprire l'incapacità e l'inadeguatezza del governo della Sardegna, dal prezzo del latte alla continuità". Per Zedda, sul tema degli aerei, sono state dette "una sfilza di bugie, smentite dai documenti e dal portavoce della Commissione europea: giusto l'altro giorno il presidente Solinas ha dichiarato che era stato affidato il compito a un esperto di lavorare al bando sulla continuità. L'altro giorno? Dopo che per un anno ha raccontato di aver trasmesso tutto ciò che era necessario a Bruxelles".

MANCA (M5S), SOLINAS ORA LAVORI SUL SERIO. "Quante prese in giro presidente Solinas, adesso si faccia carico delle sue responsabilità di governatore e cominci a lavorare sul serio per il bene dell'isola". E' l'attacco della capogruppo del Movimento 5 stelle in Consiglio regionale, Desirè Manca, al presidente della Regione. "Persino la ministra dei trasporti, Paola De Micheli, bacchetta Solinas, invitandolo a mettersi a lavorare per i sardi, anziché perdere tempo e scaricare le sue responsabilità sugli altri. L'inadeguatezza del governatore della Sardegna - incalza Manca - è tale per cui il leader del suo partito è costretto a venire in soccorso ancora una volta. Matteo Salvini infatti oggi attacca la Ministra per sviare l'attenzione sulle responsabilità di Solinas e della sua giunta colpevoli di tante figuracce. Nei giorni scorsi Solinas - osserva la capogruppo del M5s - ha fatto ricadere sul governo la responsabilità del disastro sulla continuità territoriale, dimenticandosi la brutta figura rimediata con l'Unione Europa davanti a cui ha presentato un progetto (che prevedeva la tariffa unica) già bocciato per ben due volte dalla stessa Ue".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie