Museo del Bisso è salvo, 70mila euro per acquisto sede

Sbloccato finanziamento della Regione Sardegna a Chiara Vigo

Il Museo del bisso a Sant'Antioco (nel Sulcis Iglesiente) è salvo. E' stato sbloccato, infatti, il finanziamento di 70mila euro della Regione Sardegna all'associazione culturale no profit "Filo dell'acqua" per l'acquisto della sede destinata al Museo curato dall'artista Chiara Vigo.
    "La valorizzazione del patrimonio identitario della Sardegna - commenta il presidente della Regione Christian Solinas - passa anche e soprattutto per il recupero e la salvaguardia delle sue tradizioni. La tutela dell'arte millenaria del bisso, e il sostegno ai suoi tenaci e coraggiosi custodi, va nella direzione seguita da questa Giunta, che dal suo insediamento sta lavorando per preservare e accrescere le ricchezze naturali e culturali della nostra Isola".
    Chiara Vigo è l'unica al mondo a saper usare questa tecnica, che consiste nel lavorare il materiale grezzo per ottenere la "seta del mare", filato e poi tessuto, dal quale si ottenevano pregiati indumenti.
    "L'interesse per questa tradizione di alto artigianato e grande patrimonio culturale - affermano gli assessori dei Beni Culturali, Andrea Biancareddu, e del Lavoro, Alessandra Zedda - è tuttora vivo e deve essere tramandato alle future generazioni.
    Abbiamo perciò voluto contribuire alla riapertura del museo della preziosa fibra tessile perché riteniamo che custodire questo straordinario patrimonio gestuale e misterioso faccia parte delle nostre tradizioni, della nostra storia e cultura.
    Grazie alla solidarietà e al sostegno che da più parti sono arrivate al Maestro e grazie all'impegno di questa Giunta regionale si è scongiurata la chiusura del museo che avrebbe causato una perdita di grande valore per tutta la nostra Isola", concludono gli esponenti della Giunta Solinas.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie