Colpito durante una battuta di caccia, morto 32enne

E' il secondo incidente mortale in Sardegna da inizio anno

E' stato raggiunto da un colpo di rimbalzo partito dal fucile di un compagno durante una battuta di caccia: il proiettile ha centrato gli arti inferiori e gli ha reciso l'arteria femorale. Per Giuseppe Santandrea, 32 anni, non c'è stato nulla da fare nonostante gli amici avessero subito fatto scattare l'allarme e l'arrivo tempestivo dell'elicottero del 118. L'uomo è morto dissanguato, lascia la moglie e due figli.

Il fatto è avvenuto nelle campagne di Sant'Andrea Frius, nel sud Sardegna.  I carabinieri della compagnia di Dolianova hanno sentito tutte le persone che si trovavano con la vittima.  Il compagno di caccia che ha esploso la fucilata è stato denunciato per omicidio colposo.  Sequestrati quattro fucili, tra questi anche l'arma da cui è partito il colpo mortale. Si attendono ora gli esiti dell'autopsia.

Si tratta del secondo incidente di caccia mortale avvenuto in Sardegna dall'inizio dell'anno. Il 5 gennaio scorso ad Aggius, in Gallura, aveva perso la vita Andrea Altea, 43 anni, assessore al Turismo del piccolo Comune gallurese. Anche in questo caso, la vittima era stata raggiunta da una fucilata partita accidentalmente da un compagno di battuta.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie