A Calasetta turismo tutto l'anno

Si scommette su flussi da Regno Unito e Irlanda per il rilancio

DI MARIA GRAZIA MARILOTTI

Calasetta da promuovere in tutte le stagioni, con un educational tour pensato per mettere in luce valori e attrattori di questa cittadina nell'isola di Sant'Antioco, nel sud ovest della Sardegna. Rivolto a giornalisti e tour operator del Regno Unito e Irlanda grazie all'agenzia Enit UK & Ireland, il viaggio è stato promosso dal Comune e dal Centro commerciale naturale, guidato da Roberto Porseo. Un percorso tra cultura, natura, enogastronomia e l'anima ospitale dei tabarchini. Tra le stradine con le abitazioni bianche e i decori azzurri, l'ospite si sente come a casa.

Donne e uomini si affacciano da porte e finestre per porgere un saluto in tabarchino, variante linguistica del genovese. La presenza della comunità di Tabarca dal 1770 rappresenta un tassello unico della moderna Sardegna, ricca di pagine di diversità culturale. "Il prossimo anno si festeggiano i 250 anni dalla fondazione di Calasetta", annuncia Roberto Porseo. E nel 2020 il Macc, il Museo d'arte contemporanea affacciato sul mare diretto da Efisio Carbone, dedicherà una retrospettiva a Ermanno Leinardi (1933-2006), con un focus sull'arte di segno 'astratto concreto' di cui l'artista, che donò al museo del suo paese la collezione permanente, fu autorevole rappresentante. Al Macc è in mostra anche la prima grande mostra antologica dedicata al pittore Gaetano Brundu dopo la sua scomparsa.

La storia affascinante della comunità calasettana, dagli albori a oggi è facilmente accessibile e a portata di touch grazie al Museo multimediale Raixe. Tra documenti, pannelli, interviste, custodisce la memoria sull'identità tabarchina. A Calasetta, in questa moderna struttura urbana regolare e squadrata legata ai gusti dell'epoca sabauda, si inserisce una comunità di lunga storia. Che riecheggia nelle stradine profumate dai piatti tradizionali: cascà o pilau, tonno e gigeri, dolce tipico. Prelibatezze della cucina locale da assaggiare accompagnate dal Carignano, il rosso che viene coltivato in terreni sabbiosi ed esposti al maestrale su piede franco.

Lo testimoniano la vigna e la cantina Tenuta La Sabbiosa, occasione per gustare i suoi vini accostati al cascà "come si fa in casa" di Giovanna e Mario. A Calasetta si arriva anche dal mare per poi sostare nel porticciolo turistico. Anche in autunno le passeggiate lungo le sue spiagge sono salutari e consigliabili: la Salina, Sottotorre, Spiaggiagrande. Nella costa ovest lo spettacolo degli orizzonti arrossati al tramonto è da non perdere. In primo piano la secca Mangiabarche con le scogliere affioranti e il suo faro di monito ai naviganti.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere