Uomo ucciso a fucilate, c'è un fermo

Si tratta di un 60enne. La vittima aveva 35 anni

Avevano avuto una discussione in un bar nel pomeriggio, poi assieme si sono allontanati raggiungendo il terreno in aperta campagna dove è avvenuto il delitto. Il presunto assassino si è poi cambiato i vestiti ed è tornato al bar. Aldo Soro, il 60enne fermato per l'omicidio di Antonio Piras, il 35enne ucciso ieri sera a Sestu con una fucilata al petto, non ha collaborato con gli investigatori che ancora cercano di recuperare l'arma del delitto.

Secondo la ricostruzione effettuata dagli investigatori della squadra mobile, coordinati dal dirigente Roberto Pititto, Soro e Piras ieri pomeriggio alle 14 erano in un bar di via Giulio Cesare a Sestu. Sono rimasti tutto il pomeriggio all'interno del locale, bevendo e parlando. Nel tardo pomeriggio la discussione avrebbe preso una piega diversa diventando un vero e proprio litigio. Intorno alle 20,30 i due sono usciti assieme dal bar e si sono allontanati dal centro abitato di Sestu a bordo della Fiat 600 di Soro. Insieme hanno raggiunto il terreno in località Terra 'e Pilloni dove, forse a seguito dell'ennesimo discussione Soro ha imbracciato il fucile che aveva in auto e ha centrato con una fucilata al petto - l'arma era caricata a pallettoni - il 35enne, uccidendolo. È poi risalito in auto e si è allontanato.

Secondo gli investigatori ha raggiunto una casa di un conoscente o un altro luogo, si è cambiato i vestiti, ha nascosto il fucile ed è tornato nel bar, dove è stato catturato dalla polizia. Smentita dagli investigatori l'ipotesi che il 60enne abbia girovagato per le strade di Sestu armato.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere