Palumbo, famiglia presenta denuncia per truffa

Neurologo da Israele, "intera storia è falsa"

Una truffa da centinaia di migliaia di euro, con misteriosi risvolti internazionali, sulla pelle di un giovane chef di 21 anni, Paolo Palumbo, determinato a non lasciare nulla di intentato per sconfiggere la Sla, la malattia che lo ha colpito tre anni fa. "Di questa truffa noi siamo soltanto le vittime", dice all'ANSA Marco Palumbo, il padre di Paolo, annunciando di aver presentato una denuncia contro ignoti alla Polizia postale di Oristano.

"Individuare i responsabili non sarà semplice - spiega - forse gente che seguiva le vicende di Paolo da tempo, forse vere e proprie organizzazioni criminali che puntavano ai fondi raccolti (con una gara di solidarietà per circa 160mila euro, ndr) per accedere alla terapia sperimentale Brainstorm". Di sicuro adesso in questa vicenda c'è soltanto il sogno di Paolo di poter accedere in Israele alla terapia sperimentale della Brainstorm Cell Therapeutics dissolto nel giro di 48 ore, dopo che la società ha reso noto di non aver mai inserito il nome del giovane di Oristano nell'elenco dei pochissimi pazienti ammessi alla sperimentazione. Un risultato che più o meno un mese fa sembrava finalmente raggiunto. Ma il contatto che aveva confermato via mail l'inserimento di Paolo nella sperimentazione non si è rivelato per quello che doveva essere.

La vicenda è venuta così allo scoperto con la conferma dell'azienda che porta avanti la sperimentazione e con la presa di posizione del neurologo di Gerusalemme. Del caso di Paolo si erano interessati anche il premier Conte e la ministra Grillo, quando il giovane aveva iniziato uno sciopero della fame, durato 14 giorni, per sollecitare le istituzioni a dargli la possibilità di accedere a quelle cure avanzate.

   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie