Doping: 3 cavalieri Sartiglia indagati

Oristano, Dna conferma tre sostituzioni di persona al prelievo

Con la deposizione del maresciallo del Ris di Cagliari Carmelo di Fede si è concluso l'incidente probatorio disposto dal Gup del tribunale di Oristano nell'ambito dell'inchiesta sui cavalieri della Sartiglia accusati di sostituzione di persona ai test antidoping decisi dalla Questura in occasione della giostra equestre dell'11 febbraio scorso. L'esame comparato dei Dna dei 13 cavalieri indagati ha permesso di accertare che effettivamente in tre si erano fatti sostituire prima del prelievo delle urine.

Si tratta di Peppe Frau, Gianluca Russo e Roberto Pau: al loro posto si sarebbero presentati Paolo Rosas, Giuseppe Capatano e il fratello di Pau, Marco. Il confronto dei Dna ha invece di fatto scagionato gli altri tre cavalieri finiti sotto accusa. I campioni di urina prelevati a Daniele Ferrari e Marco Serra erano davvero quelli dei due cavalieri. Esce dall'inchiesta anche il fratello di Serra, Francesco, sospettato di essersi sostituito al congiunto.

Chiuso l'incidente probatorio, si prosegue davanti al Gup: il giudice ha già ottenuto una proroga di sei mesi delle indagini, fino a marzo 2019. E' molto probabile che il procedimento si chiusa prima dello svolgimento della prossima Sartiglia, in programma il 3 e 5 marzo.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie