Rissa tra sardi e migranti, 7 denunce

Scontri innescati da una lite a bordo di un bus

I carabinieri hanno dato un nome e un volto a una parte dei responsabili dell'aggressione e della rissa furibonda scoppiata il il 25 maggio scorso a Capoterra e che ha visto come vittima un cittadino gambiano di 18 anni, ospite del centro per richiedenti asilo Sprar del paese.  Denunciati per favoreggiamento, lesioni e rissa sei sardi di età compresa tra i 16 e 30 anni e lo stesso migrante. Secondo quanto ricostruito dai militari, la discussione era iniziata su un autobus, con uno scambio di insulti all'indirizzo del gambiano.

Appena sceso dal mezzo pubblico, il giovane era stato poi aggredito, sia verbalmente che fisicamente, colpito con calci e pugni, con le fibbie delle cinture e i con caschi. Il 18enne era riuscito a fuggire e a nascondersi nel centro di accoglienza, inseguito dal gruppetto di sardi. Qui aveva chiesto l'aiuto di alcuni connazionali, non ancora identificati, affrontando all'esterno i rivali. Ne era scaturita una rissa violenta, e il 18enne aveva avuto la peggio. Lui stesso, però, è stato denunciato per aver avuto una parte attiva nella risposta rabbiosa alla sua aggressione.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie