Semina scompiglio a Sassari, arrestato

Si è scagliato contro negoziante, passanti e agenti Polizia

(ANSA) - SASSARI, 4 OTT - Prima ha minacciato e assalito il titolare di un negozio di telefonia, poi ha cercato di spaccare a calci la vetrina del locale e di aggredire i passanti, infine si è scagliato contro gli agenti della Sezione Volanti intervenuti per placarlo. Un giovane extracomunitario, di 26 anni, già noto alle forze dell'ordine per episodi analoghi, è stato arrestato nel centro di Sassari con l'accusa di danneggiamento aggravato ed esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle persone e sulle cose.
    Ieri pomeriggio, evidentemente ubriaco, il giovane è entrato nel negozio pretendendo la restituzione di quanto pagato per una riparazione sul cellulare che secondo lui non era stata eseguita correttamente. Non ha voluto sentire ragioni, è andato subito in escandescenza intimorendo il negoziante e inducendolo a scappare per strada e a chiedere aiuto. Bloccato dagli agenti, si è scagliato contro di loro procurato alcune lievi lesioni.
    E' stato portato in questura dove ha trascorso la notte. Oggi il suo arresto è stato convalidato dal tribunale di Sassari che ne ha disposto il trasferimento nel carcere di Bancali.
    L'episodio ha riacceso il dibattito sulla difficile convivenza multietnica e multiculturale nella parte bassa del centro storico, nel tratto del corso Vittorio Emanuele, fra porta Sant'Antonio e il palazzo Civico. Sui social più popolari alcuni residenti hanno manifestato uno stato di insofferenza rispetto a continui fenomeni di microcriminalità, violenza fisica e verbale e senso di insicurezza. Un tema che sarà riproposto anche agli amministratori locali. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere