Sardegna

Fluosid: scarcerati vertici azienda

Cossu e Farci ai domiciliari

Escono dal carcere di Uta i vertici della Fluorsid: il Tribunale del Riesame di Cagliari ha disposto i domiciliari per Sandro Cossu, responsabile della sicurezza ambiente dell'azienda, e Alessio Farci, ingegnere a capo della produzione, arrestati nell'ambito dell'inchiesta sul presunto inquinamento di aria, acqua e terreni nella zona attorno allo stabilimento di Macchiareddu, compresa l'area umida protetta della laguna di Santa Gilla.

I giudici della seconda sezione, presieduta da Massimo Poddighe, hanno dunque accolto la richiesta dei difensori di riformare l'ordinanza cautelare firmata dal Gip Cristina Ornano su sollecitazione del Pm Marco Cocco. Gli avvocati del terzo indagato ancora in cella a Uta, Michele Lavanga, direttore dello stabilimento Fluorsid, attendono ancora la fissazione dell'udienza davanti al Riesame, ma nel frattempo hanno rinnovato la richiesta di scarcerazione del loro assistito.

Ai domiciliari restano il titolare della Ineco Armando Benvenuto Bollani e Giancarlo Lecis, funzionario tecnico della Fluorsid, oltre ai due operai della ditta di Bollani scarcerati a seguito dei lunghi interrogatori resi sia davanti al Gip che al Pm.

DISCARICHE SOSPETTE SU ALTRI 4 ETTARI DI TERRENO - E' destinato a crescere il numero delle discariche abusive individuate dagli agenti del Corpo forestale nell'ambito dell'inchiesta sulla Fluorsid di Macchiareddu. Attualmente sono stati messi i sigilli a 18 ettari di terreni, ma nella zona attorno allo stabilimento si troverebbero, secondo quanto emerso dalle indagini e soprattutto dalle dichiarazioni rilasciate da alcuni indagati durante gli interrogatori, altri siti sospetti per un totale di circa quattro ettari: anche qui sarebbero stati scaricati e/o interrati rifiuti provenienti dalle lavorazioni alla Fluorisid.

Gli investigatori stanno effettuando ulteriori accertamenti e verifiche, con analisi dei terreni, poi scatteranno i sequestri. Si attende anche l'arrivo degli ispettori dell'Ispra, l'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, che in una ispezione straordinaria la cui data non è stata ancora decisa, si occuperanno di verificare il rispetto delle misure di sicurezza adottate dall'azienda e i livelli di inquinamento.

IN SITO ASSEMINI 35MILA TONNELLATE DI FANGHI - In quella discarica destinata agli inerti e alla terra proveniente dagli scavi, c'erano interrate oltre 35mila tonnellate di fanghi provenienti dalla Fluorsid, lo stabilimento di Macchiareddu al centro dell'inchiesta che il 16 maggio scorso ha fatto finire in manette sette persone tra vertici dell'azienda e imprese d'appalto. È il risultato delle prime analisi portate a termine dagli agenti del Corpo forestale sulla porzione di discarica - circa due ettari - sequestrata il 24 maggio ad Assemini.

Un sequestro probatorio avvenuto dopo le dichiarazioni rilasciate agli inquirenti da due indagati, gli operai di una società appaltatrice dei servizi di logistica dello stabilimento di Macchiareddu. Colloqui lunghissimi in cui sono stati svelati al giudice e al Pm i retroscena degli interramenti dei rifiuti provenienti dalla Fluorsid.

Fanghi carichi di arsenico con soglie 140 volte al di sopra di quanto consentito dalla legge, secondo quanto emerso dagli accertamenti, legati all'utilizzo dei cannoni ad acqua che dovevano servire per abbattere l'innalzamento di polveri dai cumuli. I cannoni avrebbero "pescato" anche l'acqua che arrivava dai processi di lavorazione dell'impianto dove veniva trattata la fluorite carica di arsenico. Il giorno dei sigilli della porzione di discarica sono stati anche sequestrati numerosi documenti attualmente sotto la lente degli investigatori per verificare quando sono iniziati gli scarichi fuori legge.

CHIESTA SCARCERAZIONE DUE DIRIGENTI - conoscerà entro domani la decisione dei giudici del tribunale del riesame di Cagliari sull'istanza di scarcerazione presentata oggi dagli avvocati di Sandro Cossu, responsabile della sicurezza ambiente della Fluorsid, e Alessio Farci, ingegnere a capo della produzione dell'azienda con sede a Macchiareddu (Cagliari).

Questa mattina si è tenuta l'udienza davanti al tribunale della libertà per due dei tre indagati della Fluorsid destinatari dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Cagliari su un presunto inquinamento. Gli avvocati del terzo dirigente ancora in cella a Uta, Michele Lavanga, direttore dello stabilimento, attendono la fissazione dell'udienza davanti al Riesame, ma nel frattempo hanno presentato appello contro la mancata scarcerazione del loro assistito dopo le sue dimissioni formalizzare a seguito nell'interrogatorio di garanzia.

Ai domiciliari restano, invece, il titolare della Ineco (ditta che si occupa dello smaltimento di scarti della produzione) Armando Benvenuto Bollani e Giancarlo Lecis, funzionario tecnico della Fluorsid, oltre ai due operai della Ineco scarcerati a seguito dell'interrogatorio reso sia col Gip che col pm.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie