Fallito assalto portavalori, trovata auto

Banditi hanno sbagliato tempi e la corsia percorsa dal blindato

(ANSA) - NUORO, 3 GEN - Una Fiat Combo rubata un mese fa a Nuoro è stata trovata bruciata questa mattina dagli agenti della Squadra mobile sulla vecchia Ss 129: l'auto, secondo i dirigenti della Polizia di Stato, è stata usata ieri mattina dai banditi per la fuga dopo il fallito assalto al portavalori della Vigilpol di Sassari sulla Ss 131 Dcn a tre chilometri da Nuoro. La rapina è andata in fumo perché il blindato con i soldi è transitato sulla corsia opposta, in direzione Nuoro, mentre i banditi, invece, avevano sbarrato il passaggio sull'altra carreggiata. Intanto continuano le battute degli agenti della Questura di Nuoro, coordinati dal vicequestore aggiunto, Fabrizio Mustaro, nelle campagne del Nuorese, alla ricerca dei malviventi che ieri hanno hanno anche esploso alcuni colpi con Kalashnikov e mitragliette. I banditi hanno preparato con cura l'agguato: hanno bloccato un automobilista per utilizzare la sua Panda, che è stata bruciata, per sbarrare la strada e quindi hanno cosparso di chiodi le corsie della Ss 131. Mentre barre chiodate sono state messe anche su un tratto della Ss 129, la Nuoro-Sassari parallela alla Ss 131, dove stamattina è stata ritrovata l'auto rubata usata dai banditi. Gli automobilisti per diverse ore sono rimasti bloccati sulla Ss 131 dal km 42 al km 50. Non è stato reso noto l'importo di denaro trasportato dal furgone della Vigilpol (per un ufficio postale e grandi magazzini di Nuoro), ma gli investigatori smentiscono sia stato ingente, non è possibile infatti trasportare milioni di euro con un solo furgone dopo le direttive di prevenzione vigenti in Sardegna in seguito ai precedenti colpi messi a segno sempre ai portavalori.

E' CACCIA AI BANDITI

(di Maria Giovanni Fossati)
(ANSA) - NUORO, 2 GEN - E' fallito un maldestro tentativo di assalto armato a un portavalori sulla Ss 131 Dcn, a tre chilometri da Nuoro, in direzione Cagliari. I banditi si appostano, il furgone passa sulla carreggiata opposta e loro, forse per la rabbia o nell'estremo tentativo di mettere comunque a segno il colpo, sparano in aria colpi di kalashnikov prima di far perdere le loro tracce, senza alcun bottino. Il commando è entrato in azione poco dopo le 8: due banditi a bordo di una jeep hanno cosparso la strada di chiodi e quindi bloccato un automobilista 50enne di Nuoro, lo hanno fatto scendere e si sono impossessati della sua Fiat Panda che hanno incendiato nel tentativo di sbarrare la strada al portavalori. Il furgone della Vigilpol in arrivo da Sassari è, però, transitato sulla carreggiata opposta, in direzione Nuoro. A quel punto i malviventi hanno sparato alcuni colpi con i kalashnikov e, quando si sono resi conto che la rapina era sfumata, sono fuggiti. A dare l'allarme sono stati gli stessi vigilantes che non si sono neanche accorti del tentativo di rapina ma che, avvistando l'auto in fiamme sulla corsia opposta, hanno segnalato l' "incidente" alle sale operative delle forze dell'ordine. I malviventi che pensavano di aver preparato il colpo a dovere, cospargendo anche di chiodi la Ss 129, una strada parallela alla Ss 131 Dcn in direzione Sassari, avevano intanto fatto perdere le tracce. La statale è rimasta bloccata varie ore nei due sensi di marcia dal km 42 al km 50. Sul posto gli agenti della Squadra mobile di Nuoro, diretti dal vice questore aggiunto Fabrizio Mustaro, che hanno avviato le indagini, ma sono arrivati poco dopo anche i carabinieri ed i vigili del fuoco. Le indagini sono coordinate dal Pm Giorgio Bocciarelli della Procura di Nuoro. Caccia al commando in tutta la Sardegna: la Polizia batte palmo a palmo le campagne del nuorese anche con l'ausilio di un elicottero. I dirigenti della Squadra mobile hanno sentito sia i due vigilantes a bordo del furgone sia il proprietario dell'auto incendiata, per raccogliere elementi che possano portare all'identificazione dei banditi. La tentata rapina di oggi arriva ad un mese esatto (il primo dicembre) dal fallito assalto ad un altro blindato portavalori, vicino a Carbonia, ed a quattro mesi dal colpo ad un portavalori vicino a Bonorva (Sassari), sempre sulla statale 131. In quella occasione, il primo settembre, la rapina era riuscita: i banditi si erano impossessati di circa 500 mila euro. Per le modalità e la tempistica gli inquirenti non escludono possa trattarsi della stessa banda.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie