Nato: oggi protesta ad alta tensione davanti a Teulada

Manifestazione antimilitaristi non autorizzata, "ma ci saremo"

(ANSA) - CAGLIARI, 3 NOV - "La comunicazione della manifestazione è stata regolarmente consegnata. A parte alcune dichiarazioni alla stampa del questore non abbiamo ricevuto formalmente alcuna comunicazione negativa. Saremo a Teulada". È la posizione di Usb e Cobas Scuola in merito alle polemiche su fogli di via e autorizzazioni per la protesta in programma oggi dalle 10:30 a Porto Pino contro le esercitazioni della Trident e contro le basi militari in Sardegna.
    In realtà - ha annunciato Angelo Cremone di Sardegna Pulita - la mobilitazione è cominciata a Teulada ieri sera con canti, tamburi e fiaccolata contro la guerra. I partecipanti sono rimasti nelle vicinanze della base per tutta la notte per poi unirsi alla manifestazione di oggi. "Siamo qui per due motivi - ha detto Salvatore Drago, Usb - contro le esercitazioni, ma anche contro questi 12 fogli di via che allontanano altrettante persone da Teulada. Per noi è assurdo, non si può criminalizzare il dissenso. Usb è per la smilitarizzazione del territorio: i poligoni devono essere bonificati per creare un'economia di pace e non di guerra".
    In campo anche Cobas Scuola: "Siamo preoccupati per la situazione - ha detto Mariella Setzu - chi ha a cuore la democrazia deve allarmarsi. Invitiamo i nostri iscritti e simpatizzanti a partecipare". Cobas contesta anche la presenza delle forze armate nelle scuole con conferenze: "Organizzeremo - ha detto Giorgio Canetto, Cobas - seminari nelle scuole per far capire che ci sono altre verità".
    La questione autorizzazioni intanto arriva in parlamento: il deputato di Unidos Mauro Pili ha presentato un'interrogazione: "Il ministro dell'Interno deve intervenire con somma urgenza per autorizzare la manifestazione ed evitare gravi tensioni nell'area esterna del poligono militare di Teulada. Il governo ha il dovere di garantire al Popolo Sardo la libertà di manifestare il legittimo diritto alla protesta contro un atteggiamento invasivo e prevaricatore dello Stato". Appello anche di Sardegna Libera: "Il Questore - dice Claudia Zuncheddu - autorizzi il corteo a Teulada". (ANSA).

PACIFISTI NON FIRMANO PRESCRIZIONI RICHIESTE DA QUESTURA - Non hanno firmato le prescrizioni richieste dalla Questura gli organizzatori della manifestazione organizzata per oggi davanti al poligono militare di Teulada contro le esercitazioni Trident e contro le basi in Sardegna. Ieri mattina due degli organizzatori che avevano presentato la comunicazione della manifestazione sono stati convocati in Questura dove gli sono state illustrate le prescrizioni da seguire. In particolare gli è stato vietato, per motivi di sicurezza visto che è in corso l'esercitazione, il corteo attorno al poligono, mentre gli è stato proposto un sit-in, un presidio statico. Gli organizzatori hanno, però, rifiutato di firmare le prescrizioni. Nei termini in cui è stata preavvisata dagli organizzatori qualche giorno fa la manifestazione, quindi, non è stata autorizzata. (ANSA).

SIT-IN IN SERATA IN PREPARAZIONE DEL CORTEO - Bandiere, lo striscione di Sardegna Pulita e un concerto di tamburi, ma anche una fiaccolata. È iniziato così il sit-in di protesta contro poligoni e esercitazioni della Trident Juncture di fronte alla base di Teulada. Protagonista un gruppo di antimilitaristi. In pratica l'anticipo di ciò che dovrebbe accadere oggi con la manifestazione che partirà alle 10:30 da Porto Pino. Gli attivisti sono rimasti tutta la notte nelle vicinanze della base per poi unirsi oggi all'altro gruppo di manifestanti. Sul posto ci sono anche le forze dell'ordine. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie