A Sanremo arriva Checco Zalone

Favola scorretta e virologo star

Foto di Riccardo Antimiani SANREMO

La favola politicamente scorretta con cui rilegge Cenerentola in chiave anti-omofoba, la satira sul maschilismo di Amadeus, il rap sui disagi di chi è "poco ricco", la canzone dei virologi preoccupati per la fine della pandemia che ha fatto la loro fortuna: l'irriverenza di Checco Zalone lascia il segno sulla seconda serata del Festival di Sanremo. Al suo debutto al festival, il comico pugliese entra dalla dalla galleria ("Sto qui, con la gente vera, con il popolino") e mette subito alla berlina Amadeus: "Sono un ragazzo di provincia, vengo da un piccolo paese, da Capurzo. Mi merito tutto questo? Poi vedo te e dico 'sì, me lo merito'. Grazie, perché ci fai sentire tutti geni".

L'ironia sulla commozione che sembra coinvolgere tutti sul palco dell'Ariston, Amadeus messo alla berlina per il maschilismo, la rilettura della favola di Cenerentola in chiave lgbtq: Checco Zalone porta la sua irriverenza sul palco dell'Ariston. Prima finge commozione, "mi sento un Maneskin", riferendosi alle lacrime di Damiano ieri sera, poi spiega: "Vengo da un piccolo paese, da Capurzo. Mi merito tutto questo? Poi vedo te e dico 'sì, me lo merito'. Grazie, perché ci fai sentire tutti geni. Pensavo che Amadeus fosse incapace, invece c'ha ritmo, anche nelle scelte delle canzoni, e poi ha avuto la bellissima idea di invitare Ornella Muti doppiata dalla De Filippi. Tra le conduttrici manca però una scema, l'italiano medio ci è rimasto male". "Un giorno - insiste il comico - Amadeus capirà che la donna può stare un passo in avanti, ma è un uomo di un'altra epoca, non possiamo condannare il suo maschilismo endemico, i tempi stanno cambiando, ma i pregiudizi non possono essere scrostati dal detersivo, possiamo però insegnare ai giovani che esiste l'amore universale". E così, accompagnato da Amadeus, voce narrante al leggio, racconta la sua storia lgbtq ambientata in Calabria: protagonista è Oreste, trans brasiliano che viene invitato al ballo a corte. E' colpo di fulmine con il principe, ma il re omofobo non vuole: peccato però che il sovrano sia un "cliente affezionato" di Oreste. "Stiamo facendo servizio pubblico", graffia Zalone. Rilegge Mia Martini con "Che ipocrisia nell'universo" e conclude con l'ennesimo doppio senso: "Se ci sono denunce, querele interrogazioni parlamentari, il foro di competenza è di Amadeus".

Poi ancora: canta come Al Bano ed è suo cugino, Oronzo Carrisi da Cellino San Marco: è il personaggio con cui Checco Zalone sbertuccia i virologi. "Prima a Cellino il virologo stava sotto il podologo e l'estetista, poi c'è stato il riscatto: vorrei dirlo a tutti i giovani vulcanologi, tornadologi, marematologi: non vi preoccupate, prima o poi Fabio Fazio vi chiama pure a voi. Stavo per abbandonare la virologia, poi è arrivato il primo tampone positivo di Cellino San Marco e mi ha cambiato la vita". "Questa variante segnerà la fine della pandemia, è d'accordo?", gli chiede Amadeus. "Chiedi se un virologo è d'accordo con un altro virologo? Purtroppo - sottolinea - la pandemia sta per finire, è brutto pure per te, perché secondo te alle 8 quando finisce la pandemia la gente guarda quella cazzata dei Soliti ignoti? Non ti prende più neanche Tele Cellino". Poi canta 'Pandemia ora che vai via", firmata da tutti i virologi, da Brusaferro a Burioni, da Pregliasco a Rezza e a dirigere l'orchestra c'è "Beppe Virussicchio".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA